Rifiuti: sequestro preventivo discarica a Piombino Cc Noe mettono sigilli dopo inchiesta procura

E' stata posta sotto sequestro preventivo dai carabinieri del Noe di Grosseto, in collaborazione con i militari del comando di Livorno, la discarica di rifiuti non pericolosi di Ischia di Crociano, a Piombino (Livorno), gestita da Rimateria, società subentrata nel settembre del 2016 alla precedente gestione di Asiu. Il provvedimento è stato eseguito dopo il decreto del gip del tribunale di Livorno, su richiesta della procura, che ha diretto l'attività investigativa del Noe. L'indagine, partita nel 2017, si è conclusa con la denuncia degli amministratori delle due società per violazioni, continuate in concorso, alle prescrizioni imposte dall'autorizzazione integrata ambientale. Secondo quanto appurato dalle verifiche effettuate dai militari è emerso che la discarica era gestita in modo non adeguato alle norme tecniche di riferimento, né risultavano rispettate le prescrizioni. Sempre secondo quanto accertato dai carabinieri la discarica non presenta alcuna copertura, così le infiltrazioni di acqua piovana tra i rifiuti hanno incrementato la produzione di percolato. Sarebbe inoltre emerso che nonostante siano presenti diversi pozzi di estrazione di biogas nessuno di questi risulta collegato a una rete di captazione per assicurarne poi il recupero energetico o la combustione. Una mancata aspirazione che determina la dispersione del gas in atmosfera causando i cattivi odori percepiti dai residenti della zona. (ANSA).

Notizia del: mer 21 mar, 2018

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

16-07-2018
Tre uomini di 31, 35 e 28 anni, tutti di origine albanese, un ....
16-07-2018
Federconsumatori Toscana ritiene che una associazione di Consumatori ....
16-07-2018
Grazie al progetto Erasmus Plus 'Dante' (Development of Activities ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo