Migranti Cgil: combattere il lavoro nero, non la pelle nera

“Al ministro Salvini va detto che quello che c'è da combattere non sono le persone che hanno la pelle nera, ma è il lavoro nero che molto spesso viene fatto da chi ha la pelle bianca, sfruttando qualsiasi persona”. A dirlo è il segretario confederale della Cgil Maurizio Landini, oggi (martedì 17 luglio) a Pescara per l'iniziativa “Contrattare per includere” organizzata dalla Cgil Abruzzo. A giudizio di Landini, Salvini dovrebbe anche “riflettere a proposito di solidarietà in Europa: proprio quelle nazioni che sono a noi più vicine e che vogliono mettere muri sono quelle che hanno preso soldi europei per delocalizzare il lavoro e sono quelle che oggi non vogliono esprimere nessun elemento di solidarietà”. Per il segretario confederale Cgil “pensare di fermare le persone che vogliono spostarsi, oltre a essere una follia in senso generale, è anche un errore molto grave in termini di messaggio che viene mandato rispetto alla costruzione di un'Europa che dovrebbe essere quella delle persone e non quella dei soldi e della finanza”.

Notizia del: mar 17 lug, 2018

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

18-10-2018
Export con segno più per il distretto dell'oro aretino ....
18-10-2018
"Da ora in avanti non guarderemo in faccia a nessuno. Chi denigra, ....
18-10-2018
Facevano lavorare a nero, nella loro confezione di abiti cinese, ....
18-10-2018
Sono in totale 14 i dipendenti della Ctt (Compagnia toscana trasporti, ....
18-10-2018
Si e' tenuto ieri a Montepulciano, il 1° congresso ALPAA ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo