Migranti Cgil: combattere il lavoro nero, non la pelle nera

“Al ministro Salvini va detto che quello che c'è da combattere non sono le persone che hanno la pelle nera, ma è il lavoro nero che molto spesso viene fatto da chi ha la pelle bianca, sfruttando qualsiasi persona”. A dirlo è il segretario confederale della Cgil Maurizio Landini, oggi (martedì 17 luglio) a Pescara per l'iniziativa “Contrattare per includere” organizzata dalla Cgil Abruzzo. A giudizio di Landini, Salvini dovrebbe anche “riflettere a proposito di solidarietà in Europa: proprio quelle nazioni che sono a noi più vicine e che vogliono mettere muri sono quelle che hanno preso soldi europei per delocalizzare il lavoro e sono quelle che oggi non vogliono esprimere nessun elemento di solidarietà”. Per il segretario confederale Cgil “pensare di fermare le persone che vogliono spostarsi, oltre a essere una follia in senso generale, è anche un errore molto grave in termini di messaggio che viene mandato rispetto alla costruzione di un'Europa che dovrebbe essere quella delle persone e non quella dei soldi e della finanza”.

Notizia del: mar 17 lug, 2018

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

18-08-2018
Nel giorno dei funerali di Stato, non si ferma il tragico computo ....
18-08-2018
Visita particolarmente gradita stamani al presidio dei lavoratori ....
18-08-2018
"Ribadiamo il nostro no alla riapertura dell'inceneritore di ....
18-08-2018
Impiegava operai forestali a nero e senza le adeguate protezioni. ....
17-08-2018
"La nostra posizione è, sin dall'inizio, di attesa, di ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo