Violenza minori: boom pedopornografia, spesso vittime ignare

"Spesso le vittime della pedopornografia sono inconsapevoli che le foto postate sui social, in particolare su Instagram, vengono rubate e utilizzate per altri scopi". Lo afferma Marina Contino della Direzione centrale anticrimine della polizia di Stato commentando la forte crescita del numero di minori vittime di reati legati alla pedopornografia: +57% per la detenzione di materiale pornografico (per l'86% femmine) e +10% per la loro produzione che coinvolge per l'84% bambine e ragazze. Come emerge dal dossier di Terre des Hommes presentato oggi alla Sala degli atti parlamentari del Senato. "Per questo facciamo incontri nelle scuole - ha aggiunto - con i genitori, i quali spesso non si rendono conto dei tanti pericoli dei social e anche loro postano le foto dei propri figli". Contino ha citato un caso avvenuto ad Alessandria dove tre ragazze di 15, 16 e 17 anni, invece, fornivano volontariamente ad un 60enne materiale pedopornografico per ottenere in cambio il pagamento di ricariche telefoniche o l'acquisto di borsette. (ANSA).

Notizia del: mer 10 ott, 2018

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

14-09-2019
Nei primi sei mesi del 2019 la Toscana ha esportato 3,2 miliardi ....
14-09-2019
Gli auguri della Fnsi al neo sottosegretario Andrea Martella. ....
14-09-2019
Al via il 16 settembre la VI edizione dell’evento annuale ....
14-09-2019
Slc: "Siamo fermamente convinti che lo spirito solidaristico ....
14-09-2019
Lorna Vatta, ingegnere, con esperienza in ambito industriale ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)