Aeroporti:Firenze;Art.1,con masterplan persi 25 ettari parco Rossi e Collesei, Pue deve restare quello previsto

"Col Masterplan del nuovo aeroporto, il Parco di Castello, parte integrante del Parco della Piana, sarà ridotto dagli 80 ettari previsti a 55 per far posto alla nuova aerostazione e al parcheggio. Si avvicina la conferenza dei servizi convocata il prossimo 9 novembre e il rischio è che vengano cancellati di colpo 25 ettari di parco". E' quanto hanno affermato oggi in una conferenza stampa il capogruppo di Articolo 1-Mdp in Palazzo Vecchio, Alessio Rossi, e Stefania Collesei. Come hanno spiegato Rossi e Collesei, "se alla mappa del Piano urbanistico esecutivo (Pue) di Castello, in fase di approvazione della Giunta, si sovrappone quella del Masterplan si vede bene che le due mappe interferiscono e 25 ettari di parco spariscono". "E' inaccettabile - hanno aggiunto - che su una scelta così importante per il futuro del quadrante nord ovest della città la Giunta decida di fare da sé. Il Pue deve restare quello che è, come previsto sia dal Piano Strutturale che dal regolamento Urbanistico, che stabiliscono gli 80 ettari del Parco di Castello come invariante strutturale. Lo stesso peraltro prevede e prescrive la Regione, quindi come si sana questo contrasto?". "Non possiamo accettare - hanno concluso i consiglieri di Art. 1 - Mdp, che per potenziare l'aeroporto e per agevolare la costruzione del nuovo stadio si sacrifichi una fetta consistente di parco e si vada ad impattare sui servizi ai cittadini. La stessa Scuola dei Marescialli, se il masterplan sarà realizzato, sarà sottoposta ad un rischio maggiore. Non è questo il modello di sviluppo della città che vogliamo, e chiediamo al sindaco Nardella e alla sua giunta di tenere fede agli impegni presi per il Parco e per i servizi ai cittadini".(ANSA).

Infrastrutture: sit-in a Firenze per dire sì opere pubbliche Ci sarà anche il sindaco Dario Nardella
Ci sarà anche il sindaco Dario Nardella al sit-in davanti all'ingresso del cantiere della stazione Foster, in via Circondaria, per dire "sì alle opere pubbliche, per l'occupazione e lo sviluppo della città". Lo ha organizzato, per domani alle 11:00, il gruppo consiliare Partito Democratico Comune di Firenze. "Sì alla ripresa immediata dei lavori per la stazione Foster - si legge nella nota - per mettere fine quanto prima alla deprecabile situazione del cantiere, al disagio e incertezze dei lavoratori. Sì alla ripresa dei lavori per il sottoattraversamento, sì alla nuova pista per l'aeroporto di Peretola e al Piano periferie". Tra le richieste anche "il completamento della rete tramviaria e il collegamento con Bagno a Ripoli" e il "Piano casa", visto che "servono 400 milioni per le famiglie fiorentine che risiedono nella nostra città". (ANSA).

Notizia del: lun 29 ott, 2018

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

10-12-2018
Sono 15, tutti tra i 20 e i 29 anni, i giovani macchinisti che ....
10-12-2018
La procura di Firenze ha emesso due avvisi di garanzia nell'ambito ....
10-12-2018
Saranno 8mila gli studenti, provenienti da tutta la Toscana, ....
10-12-2018
Si intitola 'Studiare e formarsi in Toscana, scegli la strada ....
10-12-2018
Mercoledì 12 dicembre i lavoratori di Leonardo (ex Finmeccanica) ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo