PASSO AVANTI PER PIOMBINO, ORA C'E' UNA STRADA DA PERCORRERE
mar 19 nov, 2013
Di: Alessio Gramolati

Piombino non si spegnerà più il 15 gennaio, finalmente si riapre una luce per un nuovo altoforno e un nuovo ciclo continuo rispettoso dell'ambiente. Con un piano di rilancio del polo siderurgico e un accordo di programma, in attesa di un nuovo acquirente.
Questo primo risultato lo hanno conquistato i lavoratori, e quando loro vincono vince la Toscana e vince il Paese. E' stato fatto un passo nella giusta direzione, ma il cammino resta ancora lungo. Sottolineo l'obbligo di percorrere quel cammino. Intanto per le dimensioni della questione: la Lucchini ha migliaia di lavoratori, l'indotto altrettanti. Il polo siderurgico rappresenta il 48% del Pil della Val di Cornia. Dunque, se si spegne la siderurgia, si spegne la Val di Cornia.
Ma qui si gioca anche una questione di interesse nazionale. L'Italia è la seconda manifattura d'Europa, con grandi capacità esportative e questo anche grazie alla Toscana che in questi anni ha trascinato l'export. Il nostro è un Paese che non ha materie prime ma le trasforma, e trova nell'acciaio una componente formidabile del successo. Basta pensare che il 42% di ciò che viene esportato contiene acciaio. Per questo non possiamo permetterci di perdere la siderurgia. Sarebbe come se un coltivatore di grano perdesse l'aratro, o come se un pescatore a strascico rinunciasse alla rete. Sarebbe insomma inconciliabile con la propria missione. Per questo la siderurgia è una partita strategica non solo per la Val di Cornia, ma per il Paese.
Il passo avanti adesso sta in due contenuti.
Il primo: finora c'era un altoforno a fine campagna, senza nessun elemento che consentisse attrattività per arrivare a un nuovo impianto con tecnologie a minor impatto ambientale. La Regione e la presidenza del Consiglio hanno deciso di investire adesso risorse importanti, in una situazione in cui i gruppi siderurgici in Europa non tifano per la siderurgia italiana: evidentemente, se scompare un competitor come l'Italia, altri si avvantaggiano senza spendere un euro.
Il secondo: lo scopo è costruire una piattaforma logistica che abbatta i costi del sito industriale. E Il potenziamento del porto renderà possibile l'accesso anche alle grandi navi e rafforzerà la candidatura di Piombino per ospitare il cantiere per lo smaltimento del relitto della Costa Concordia. La vicinanza tra il porto e l'area siderurgica rappresenti un punto di forza per Piombino, una grande opportunità per uno smaltimento “a km 0” delle navi da rottamare, soprattutto alla luce delle nuove direttive europee.

Condividi questo contenuto

In questa pagina

Le ultime notizie

23-11-2017
La Regione Toscana mette a disposizione quattro milioni di euro ....
23-11-2017
Dopo l'affossamento alla Camera della proposta di legge sul ritorno ....
23-11-2017
Giornata di mobilitazione nazionale domani, con assemblee trasversali ....
23-11-2017
Il Black Friday 2017 segna anticipatamente un primato, ma non ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di Internet Soluzioni Srl | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo