ALL'ALTEZZA DELLA SITUAZIONE, UN GRAZIE E TANTI AUGURI A TUTTI VOI
lun 23 dic, 2013
Di: Alessio Gramolati

Il 2013 va chiuso con un “grazie”. Grazie a tutti voi, cari compagni e care compagne, per l'impegno, la professionalità, la competenza e la passione che ci avete messo anche quest'anno. In Italia c'è un incendio. L'incendio della crisi economica. Non siamo noi ad averlo appiccato e non siamo nemmeno tra coloro che irresponsabilmente ci hanno soffiato sopra per alimentarlo. Siamo piuttosto quelli che l'hanno contrastato, che ne hanno denunciato i rischi, che hanno cercato di mettere in salvo chi era più esposto alle fiamme.
L'Italia sta attraversando uno dei momenti più difficili della sua Storia, e noi stiamo cercando di non farci trovare impreparati e di essere all'altezza della situazione. La crisi economica ha colpito duro anche in Toscana, molti di noi si sono ritrovati in difficoltà, la ripresa ancora non si vede, i governi continuano a optare per ricette poco efficaci (e per questo abbiamo manifestato anche a Firenze lo scorso 14 dicembre). La nostra forza è quella delle idee, delle proposte, dell'unità, delle rivendicazioni, delle mobilitazioni, delle proteste ove necessarie. Su questo solco, che è stato aperto molto tempo fa, dobbiamo continuare a muoverci, rinnovandoci nella misura delle dirompenti sfide che la modernità ci pone di fronte.
Il 2013 è stato un anno difficile. Ci lascia ancora morti sul lavoro, cerotti, ferite aperte e cicatrici, che ci ricorderanno che ogni conquista va sudata intensamente. Ma ci lascia anche tante cose incoraggianti: gli accordi, le fabbriche ripartite, il Piano per il lavoro, l'implemento del Fondo regionale per la non autosufficienza, il progetto Giovani Sì, l'accordo per il Microcredito, tutti aspetti che testimoniano quanto a noi stia a cuore non solo la difesa ma anche la proposta.
L'anno che si apre ci vedrà impegnati nel Congresso. Decideranno i nostri iscritti e le nostre iscritte quali azioni siano più necessarie per affrontare il tempo nuovo che abbiamo di fronte. Affrontiamo questo appuntamento sereni, uniti, confortati dal nuovo che sta nel Piano del lavoro e dall'antico che sta nei nostri valori e nelle nostre radici, per noi da sempre scolpiti nella Costituzione.
Per concludere: tanti auguri a tutti voi e alle vostre famiglie. Auguri a chi il lavoro non ce l'ha o ce l'ha e vuole difenderlo, anche coi denti. Auguri a chi lo ha a rischio, a chi lo cerca e ancora non riesce a trovarlo. Auguri a chi è in solidarietà o in Cassa integrazione. Auguri a chi è precario, auguri a chi è in pensione dopo una vita di sacrifici. Auguri a tutti noi affinché facciamo sempre meglio il nostro mestiere, senza mai lasciare nessuno da solo, perché la Cgil è un baluardo del lavoro e della democrazia italiana. Siatene fieri e fiere.

 

Condividi questo contenuto

In questa pagina

Le ultime notizie

15-12-2018
"Sono pronto a incatenarmi di fronte al ministero delle Infrastrutture ....
15-12-2018
Un operaio di 57 anni è morto stamani nel Pisano, intorno ....
15-12-2018
Sciopero gli autisti Ataf oggi (15/12),dalle 18 alle 22. I sindacati ....
15-12-2018
Una indagine per fare luce sul dissesto finanziario di Condotte ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo