Una storia dal Call Center per il sindacato di domani
Di: Alessandro Francesconi
lun 14 lug, 2014
Alessandro Francesconi

Nel gennaio 2013, in un call center della provincia di Siena, che contava 100 contratti a progetto su dieci dipendenti, il management ha deciso di applicare il protocollo di intesa fra organizzazioni sindacali ed Unirec che, in sostanza, disciplinava l’utilizzo dei co.co.pro. nei call center di recupero crediti stragiudiziale, in deroga parziale a quanto previsto dalla riforma Fornero.
Nella vita di ogni giorno questa applicazione si declinava con una paga di 5,48 euro lordi per ogni ora effettivamente lavorata, con la decurtazione dal conteggio finale di tutti i minuti, i secondi, gli attimi passati a fare qualcosa di diverso dalla chiamata in cuffia. Un minuto di pausa per riprendere fiato dopo una telefonata molto accesa, una sigaretta per interrompere lo stress lavorativo, persino andare in bagno finiva per avere un costo. Riuscite ad immaginarvi che cosa vuol dire? Non hai alcun diritto, tutte le conquiste che rendono il lavoro dignitoso, la condizione del lavoratore almeno accettabile, quelle conquiste che hanno più di un secolo e che qualcuno considerava, a torto, assodate, vengono spazzate via in un secondo. Pensate a cosa vuol dire non ricevere remunerazione per ogni attimo in cui sei considerato “non produttivo”. Il significato di questo scempio lo metabolizzi solo quando vedi persone che si presentano al lavoro con quaranta di febbre perché non possono permettersi due giorni in meno di paga e non hanno la malattia, madri in lacrime perché hanno dovuto scegliere fra il figlio malato da accudire e la possibilità di pagare le bollette a fine mese.
Era una storia come tante, fatta di zero diritti, vessazioni, legge del più forte.
Poi un giorno abbiamo iniziato ad organizzarci, a rispolverare quell’idea per cui se chi ti sta accanto e vive la tua stessa condizione materiale rimane solo, come te, non conta abbastanza per potersi ribellare. E tu con lui. Ma se vi riconoscete e vi unite siete più difficili da colpire e in quattro ancora più che in due, e via così, finché non ci siamo trovati in dieci, in venti, in trenta, finché non siamo riusciti ad organizzarci e ad arrivare a contare oltre il 50% dei collaboratori a progetto iscritti con delega al sindacato.
Il sindacato si è fatto strumento, si è messo a disposizione. Ci siamo dovuti inventare un percorso perché quello che facevamo viveva fuori da quelle regole del mercato del lavoro novecentesco alle quali troppo spesso si rimane ancorati e che non esistono quasi più nella realtà. Abbiamo accompagnato la crescita di consapevolezza, lo studio delle normative, al conflitto costante. Abbiamo superato l’arroganza di un management che non sentiva ragioni finché al tavolo non si è dovuta sedere la proprietà stessa, per firmare il primo accordo sulla rappresentanza sindacale dei contratti a progetto e per ricostruire una condizione di lavoro diversa che, progressivamente, ha regolarizzato le posizioni incompatibili con il contratto a progetto, stabilizzandole, ha definito termini di valutazioni trasparenti delle risorse, un sistema di formazione che rende il mancato rinnovo contrattuale molto difficile ed il diritto di prelazione per anzianità alla stabilizzazione contrattuale. Oggi contiamo 41 dipendenti su 110 contratti a progetto contro i 10 su 100 di quando abbiamo iniziato e alla fine del mese avremo altre tre trasformazioni di co.pro in contratti di lavoro subordinato.
La nostra esperienza deve servire per ricordare al sindacato che questo è il tempo ultimo per poter cogliere la sfida del tempo che viviamo e per farlo occorre mettersi in discussione come mai prima di adesso. La contrattazione inclusiva deve diventare realtà immediata ma per farlo non si può prescindere dalla piena rappresentanza dei lavoratori precari.
Finché non saremo capaci di intraprendere questa strada correremo il rischio di una frattura sempre più ampia fra una generazione senza diritti ed un’altra che i diritti li sta perdendo.

Alessandro Francesconi (delegato Nidil Cgil - Ecr Italia - Siena)

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

21-07-2019
In arrivo una nuova ondata di caldo, confrontabile a quella che ....
21-07-2019
La crisi del commercio non accenna a finire: dopo la debole 'ripresina' ....
21-07-2019
"Il tempo della trattativa dovrà risolversi in tempi brevi". ....
21-07-2019
Un cedimento del terreno su cui poggiano i binari ha bloccato, ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo