E' in corso un attacco al lavoro, il #25ottobre tutti in piazza a Roma
Di: Direttivo Cgil
lun 29 set, 2014
Logo Cgil

Il Paese ha bisogno di lavoro: solo attraverso investimenti pubblici e privati che lo creino si può praticare quella svolta essenziale per una politica economica espansiva. È inutile e sbagliato cercare di nascondere la situazione dell’Italia - ancora in recessione ed in presenza della deflazione - come si vuole fare affermando che l’unica priorità è cambiare, per l’ennesima volta, le regole del mercato del lavoro. Non sarà con lo "scalpo" dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici che l'Italia determinerà un cambio delle politiche europee, anzi le avvalorerà. Negando quel ruolo di cambiamento ampiamente rivendicato dal voto europeo del 25 maggio. Bisogna “cambiare verso” alla politica economica italiana per poter cambiare il Paese.
Il lavoro al centro di una nuova politica economica si deve tradurre anche in strumenti concreti di distribuzione del lavoro: dai contratti di solidarietà difensivi ed espansivi, alla eliminazione della decontribuzione delle ore di straordinario finalizzandola, invece, all'incentivazione di riduzioni di orario, alla flessibilità senza penalizzazioni dell’uscita pensionistica. Bisogna "cambiare verso" anche nella gestione delle piccole e grandi vertenze aperte, contrastare i piani di ridimensionamento delle imprese, affrontare i nodi della politica industriale per determinare le prospettive di crescita. Vent’anni di scelte politiche e legislative del nostro Paese hanno determinato un mercato del lavoro frammentato nel nostro Paese. Hanno cancellato l’idea di una flessibilità positiva, permesso il dilagare della precarietà, tanto che l’OCSE ci colloca sopra la Germania (sulla base dell'indice che misura le tutele ai lavoratori a tempo indeterminato, in particolare la tutela sul licenziamento). Appare così in tutta la sua strumentalità la domanda del Presidente del Consiglio su dov’erano le organizzazioni sindacali, nel tentativo di cancellare le responsabilità della politica e della parte miope del sistema delle imprese. Ancor più alla luce della presentazione dell'emendamento del governo alla delega, che ha fatto precipitare l'attacco allo statuto dei lavoratori ed, ancora una volta, ha delineato un'idea di lavoro povero, non formato e non qualificato; la via bassa della competizione che si accompagna all'assenza della politica industriale. Per questo il comitato direttivo della CGIL ritiene inaccettabile una proposta che, motivata dal superamento del dualismo del mercato del lavoro, nei fatti riduce in generale diritti e tutele dei lavoratori, cancella il reintegro previsto dall'art.18; non propone invece l'estensione e la generalizzazione che è l'unica risposta per ricostruire un mercato del lavoro unico. La diseguaglianza nel mercato del lavoro è plasticamente rappresentata dalla frammentazione tra precarietà, lavoro nero e sommerso e lavoro dignitoso. Per questo la CGIL avanza una piattaforma fondata sulla proposta della drastica riduzione della precarietà e dell’estensione di diritti e tutele a tutto il mondo del lavoro. Nei Paesi europei, nei Paesi normali, le politiche del lavoro sono sempre state discusse con le parti sociali. E al confronto la CGIL è, come sempre, pronta.
Il contratto a tutele crescenti a tempo indeterminato può rappresentare una scelta positiva di superamento della dualità se affiancato solo dalle seguenti forme di lavoro: contratto a tempo determinato con causali e ragioni oggettive (contratto per il lavoro stagionale), apprendistato, somministrazione, una sola forma di vero lavoro autonomo insieme alla definizione di strumenti efficaci di contrasto al fenomeno delle false partite IVA. Al contratto a tutele crescenti a tempo indeterminato va fissata la durata con un periodo di prova più lungo ed articolato per fasce professionali. Alla fine del quale vi deve essere il pieno riconoscimento delle tutele del licenziamento senza giustificato motivo e dei diritti di legge e contrattuali. In caso di licenziamento - non illegittimo - al lavoratore sarà riconosciuto un indennizzo proporzionale alla durata del contratto a tutele crescenti e somministrata una politica attiva volta alla ricollocazione. Il superamento della frammentazione si attua riconoscendo a tutti i lavoratori e le lavoratrici i diritti e le tutele universali, anche a coloro che hanno un contratto di lavoro autonomo. Per questo vanno estesi i diritti previsti dal Titolo I dello Statuto dei Lavoratori da quelli sulle libertà dei lavoratori, al divieto di accertamento sanitario, senza cancellare le tutele sul controllo a distanza e le mansioni del lavoratore di cui va, se mai, rafforzato il potere di contrattazione. Sul Titolo II e III che trattano della libertà sindacale e dell’attività sindacale va ridefinito l’art. 19 in coerenza con la sentenza della Corte Costituzionale (n. 231/2013) e definita una nuova legislazione della rappresentanza che abbia a riferimento la legge sul lavoro pubblico e l’accordo interconfederale del 10 gennaio 2014, che determina la validità dei contratti in ragione della maggioranza delle OO SS, e la maggioranza del voto dei lavoratori nel voto certificato; in coerenza all'art.36 della Costituzione. Vanno poi definite forme di esercizio dei diritti sindacali. Con un allargamento dei diritti che va accompagnato dal riconoscimento a tutti i lavoratori e lavoratrici della tutela della maternità, della malattia e infortunio e del diritto al riposo, unitamente all’equo compenso che deve avere a riferimento i minimi stabiliti nei contratti nazionali di lavoro che devono essere erga omnes in virtù della traduzione in legge delle regole della rappresentanza. Questa è la strada per definire un mercato del lavoro unico per un buon lavoro qualificato e dignitoso. Il percorso di unificazione del mercato del lavoro necessita di ammortizzatori sociali universali fondati su due pilastri: indennità universale e cassa integrazione ordinaria e straordinaria contribuita da imprese e lavoratori. A questo fine è necessario che il calcolo del lavoro effettuato per la "nuova ASPI" sia a giornate, che si superino i fondi che escludono gran parte delle imprese minori dalla cassa, che il sistema sia finanziato. È evidente che il processo di riunificazione del lavoro deve essere accompagnato da una forte contrattazione inclusiva, per questo va superato il blocco dei rinnovi dei contratti nazionali, a partire dai pubblici. A sostegno di questa piattaforma e a contrasto dell’attacco al lavoro la CGIL indice per il 25 ottobre 2014 una grande manifestazione nazionale (Roma, Piazza San Giovanni). La scelta non è, né può essere intesa come una scelta di separazione da CISL e UIL. La nostra piattaforma che tiene in valore quella unitaria su fisco e previdenza è aperta al confronto e al contributo di tutti, come ferma è la volontà di confermare tutte le iniziative unitarie e di categoria, già programmate.

 

IL DOCUMENTO INTEGRALE

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

22-07-2019
Braccini, L’atto formale di trasferimento a Brescia dei ....
22-07-2019
Regionalismo differenziato, Cgil e Flc Cgil Firenze esprimono ....
22-07-2019
Caos treni a Firenze, la Filt Cgil e la Cgil: “Grave episodio ....
22-07-2019
Scuola-Lavoro, rinnovato il protocollo con gli Istituti del circondario ....
22-07-2019
200 riders assunti a Runner Pizza a Firenze: applicazione del ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo