La battaglia da fare l'8 marzo e in tutti gli altri giorni
Di: Dalida Angelini
mar 07 mar, 2017
Dalida angelini

L'8 marzo è un giorno speciale, come ogni giorno che ci vede prendere posizione nell'affermazione dei diritti, per noi e per chiunque ne sia privo. Viviamo ancora un tempo in cui le donne che lavorano sono meno pagate, più precarie, più a rischio del posto se decidono di intraprendere una gravidanza. E tante sono quelle che non lavorano più: il prezzo più alto della crisi l’hanno pagato loro. Per questo vogliamo essere più che mai insieme nelle lotte contro l'indifferenza, l'ingiustizia e la violenza. Nelle piazze e nei luoghi di lavoro, confrontandoci con tutti per mettere a nudo quella mentalità che vuole dividere uomini e donne dentro e fuori il mondo del lavoro. Ed è questo modo di pensare che va cambiato, rompendo i silenzi complici. Unite e uniti, determinate e determinati su una limpida battaglia culturale da fare tutti i giorni, non l'8 marzo. Auguri a tutte noi

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

18-03-2019
Centinaia di persone hanno partecipato al Carnevale Antirazzista ....
18-03-2019
“Una deriva misogina, patriarcale, razzista, di fronte ....
18-03-2019
Oltre 60 mila lavoratori attendono gli ammortizzatori sociali. ....
18-03-2019
Si tratta in gran parte di macchinisti e capo treni “È ....
18-03-2019
"Con mia madre e quattro sorelle eravamo a casa. Arrivarono i ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo