"Ancora voucher, uno schiaffo alla democrazia. Nessun vuoto, si vuole deregolamentare il lavoro"
Di: Susanna Camusso
ven 26 mag, 2017
camusso 2

Sui voucher la Cgil ha sostenuto una battaglia a viso aperto, una battaglia pubblica, dicendo chiaramente quali erano le sue motivazioni e assumendosene la responsabilità. Non mi pare che attualmente ci troviamo in un contesto che ha le stesse caratteristiche.
Il governo italiano è l'unico a non aver capito cosa stia succedendo. La disintermediazione resiste solo in Italia, Macron ha subito convocato i sindacati. E infatti il messaggio delle nostre mobilitazioni è diretto proprio a Palazzo Chigi. Apprezziamo invece coloro che in parlamento hanno votato la norma di abrogazione e ora difendono quella scelta con coerenza. Ciò che vorremmo dire con chiarezza è però che un'uscita da questa situazione c'è: si chiama Carta dei diritti universali dei lavoratori, è stata presentata come legge di iniziativa popolare a suon di milioni di firme, e tra l'altro regola proprio le prestazioni occasionali che riguardano le famiglie, le uniche che vanno ancora regolate.
Quindi esistono delle proposte concrete, ma se qualcuno pensa di contrapporsi alla volontà espressa dai cittadini con le firme a sostegno dei quesiti referendari, noi continueremo la nostra battaglia. Secondo Camusso, infatti, il rispetto delle regole democratiche del Paese deve essere prioritario. Nessuna democrazia può legiferare eludendo la volontà dei cittadini, se vengono reintrodotti i voucher succederebbe proprio questo. Se si dovesse fare una scelta come quella che sembra profilarsi in queste ore, quindi, la Cgil per prima cosa ricorrerebbe alla Corte costituzionale, e chiederebbe anche ragioni al presidente della Repubblica, che è il garante della costituzione nel nostro Paese.
Il nostro secondo atto sarebbe quello di accompagnare la mobilitazione, con una grande manifestazione che si rivolgerebbe ai milioni di cittadini che hanno sottoscritto i referendum e la Carta. Lo faremmo, ha continuato Camusso con la massima nettezza e il massimo senso di responsabilità, perché non si tratta di temi marginali.
Per quanto riguarda il tanto discusso “vuoto normativo” che l'abolizione dei voucher avrebbe creato, dico che non c'è nessun buco. Esistono forme di somministrazione di lavoro, contratti a termine, e molte altre formule che prevedono diritti per i lavoratori. Le argomentazioni di chi pensa che il lavoro possa esser gratuito, pagato sempre meno e non professionalizzato, sono quindi finalizzate al ledere i loro diritti. Lo sanno bene anche le imprese, che hanno già cominciato ad applicare altre forme di lavoro regolamentate. Chi vuole reintrodurre i voucher con un altro nome, perciò, vuole solamente utilizzare forme di lavoro non regolare.

N.d.R.: Rispondendo alle domande di alcuni giornalisti Camusso ha aggiunto che il testo dell’emendamento è arrivato alla Cgil solo per vie informali: “Alcuni parlamentari lo hanno fotografato in commissione, altrimenti non avremmo avuto modo di conoscerlo, non essendoci stata alcuna comunicazione ufficiale”. Il segretario Cgil ha poi sottolineato come risulti “curioso” che il governo, che con un suo decreto ha portato all’abolizione dei voucher, non difenda ora la sua scelta legislativa e che, anzi, sia proprio un consigliere di palazzo Chigi l’estensore della proposta che fa rientrare dalla finestra quello che era uscito dalla porta appena un mese fa.

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

25-07-2017
Credito in Toscana: impieghi a picco nella costa, ripresa a Firenze. ....
24-07-2017
ALLARME SICCITÀ, ACQUA RAZIONATA E SCONTRO POLITICO IL ....
24-07-2017
SICCITÀ, RISCHIO CALO PRODUZIONE DEL 50% ALLARME COLDIRETTI ....
24-07-2017
Dal 1 aprile al 15 luglio 2017 sono stati aperti 30 'tavoli', ....
24-07-2017
E' morta all'ospedale Cisanello di Pisa, dove era stata ricoverata, ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di Internet Soluzioni Srl | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo