"Abbiamo il dovere di impedire lo smantellamento del modello Riace"
Di: Dalida Angelini
dom 14 ott, 2018
Dalida Angelinii

“Siamo alla deportazione per via amministrativa. ‘Chi sbaglia paga’ tuona il nostro ministro dell’interno. Un governo cinico e disumano sta divorando conquiste di civiltà sancite dalla nostra Carta Costituzionale. Regioni, Città Metropolitane, comuni chiedano a Salvini di fermarsi e di tornare sui suoi passi, parta dalla nostra regione una richiesta pressante e un appello in tal senso.
Abbiamo il dovere di impedire lo smantellamento del modello Riace e la Cgil Toscana farà tutto il possibile per farlo. Il presidente della Regione Rossi e il sindaco Nardella nel giugno scorso hanno lanciato l’appello per una manifestazione nazionale contro il razzismo e le politiche del ministro dell’interno, questo è il momento, non mancheranno le adesioni delle istituzioni, delle associazioni e dei cittadini italiani. La Cgil come sempre porterà il suo contributo in difesa della democrazia, per l’affermazione dei valori della solidarietà e dell’accoglienza sanciti dalla nostra Carta Costituzionale”.

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

10-12-2018
Sono 15, tutti tra i 20 e i 29 anni, i giovani macchinisti che ....
10-12-2018
La procura di Firenze ha emesso due avvisi di garanzia nell'ambito ....
10-12-2018
Saranno 8mila gli studenti, provenienti da tutta la Toscana, ....
10-12-2018
Si intitola 'Studiare e formarsi in Toscana, scegli la strada ....
10-12-2018
Mercoledì 12 dicembre i lavoratori di Leonardo (ex Finmeccanica) ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo