"NECESSARIO PROGETTO CHE COLLEGHI EMERGENZA A PROSPETTIVE"
Di: Alessio Gramolati [da "La Nazione"]
lun 28 set, 2009
Alessio Gramolati 02
Sono oltre ventimila i toscani che alla fine del mese perderanno ogni tipo di ammortizzatore sociale, compreso il sussidio di disoccupazione speciale. A cui si aggiungono altri 40.000 lavoratori atipici che di ammortizzatori invece non ne hanno invece mai avuti.
Parte da qui Alessio Gramolati, segretario regionale della Cgil, per affrontare la crisi economica toscana e indicare una tabella di marcia per lo scorcio di legislatura. E ampliare poi l’orizzonte su cosa dovrà affrontare il prossimo governatore della Regione, per cui si voterà fra neanche sei mesi.

Gramolati, secondo lei da cosa dobbiamo ripartire?
«Dal dire che le difficoltà economiche nazionali non possono essere un motivo per deresponsabilizzarci a livello locale».
E quindi?
«La Toscana deve avere un progetto che collega le strategie di emergenza a quelle di prospettiva. Serve un progetto ampio, perché la risposta non può essere solo gli ammortizzatori sociali. Che pure servono».

Cominciamo dall’emergenza.
«Ci sono tre ordini di problemi. Il primo è non lasciare le persone — dipendenti e imprenditori — sole in mezzo alla crisi. E per questo serve un sistema di ammortizzatori adatto a fronteggiare la situazione così difficile. E non può esser altro che il governo a intervenire. Secondo, a livello locale fare tutto quello che è possibile per intervenire sul versante del credito. Dico una cosa su tante: le banche dovrebbero almeno garantire il flusso di cassa per gli stipendi e gli anticipi di cassa integrazione. Terzo, fare in modo che non ci siano disuguaglianze fra lavoratori almeno delle stesse imprese. Mi spiego: ci sono comuni che, ad esempio, riducono ai cassintegrati le quote del nido o della mensa scolastica. Se il cassintegrato abita nel comune di fianco che non ha introdotto questi sostegni, si trova chiaramente in una situazione di disparità».

E in particolare cosa si aspetta da questo scorcio di legislatura regionale?
«Una road map per le grandi opere, prime fra tutte AltaVelocità-Alta Capacità e piattaforma costiera, per recuperare più in fretta possibile quel deficit infrastrutturale che scontiamo in mancanza di competitività. E quindi il governo regionale dovrebbe stringere con quello nazionale sulle date di quelle opere già decise e su cui non si dovrebbe tornare a discutere. E poi ci sono ritardi su tutti i fronti...»
Per esempio?
«C’è una legge regionale sui servizi pubblici ferma da un sacco di tempo e non si capisce perché. Intanto si continua, ad esempio, con un sistema dei rifiuti sparpagliato fra 35 aziende. Quando invece una riorganizzazione dei servizi potrebbe essere un importante volano con ritorni economici ed ambientali».
Una richiesta per il prossimo governatore?
«Gli chiedo di essere convinto che in Toscana ci sono le forze per battere la crisi».

Olga Mugnaini [La Nazione 26.09.2009]

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

25-08-2019
E' rimasto incastrato sotto il trattore di cui era alla guida ....
23-08-2019
Un uomo di 84 anni è morto schiacciato sotto un trattore, ....
23-08-2019
“La salvaguardia idrogeologica deve essere una priorità ....
23-08-2019
Il numero di chi fugge dall'Italia è quasi quadruplicato ....
23-08-2019
Il 23 agosto 2007 ci lasciava Bruno Trentin. "Intellettuale di ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)