Camusso: andiamo avanti fino alla Carta dei diritti
6 maggio

Il segretario generale conclude la manifestazione di Roma. “Oggi è una festa per il risultato raggiunto, ma è anche un programma di mobilitazione: il Parlamento discuta la nostra proposta. Vogliamo cancellare la precarietà. Non smobilitiamo”
“Siamo qui per festeggiare una legge che abbiamo ottenuto: lo abbiamo fatto attraverso un lungo viaggio per l'Italia, parlando con lavoratori e pensionati per raccogliere le firme. Abbiamo detto loro che non bisogna essere rassegnati e tornare a determinare il proprio futuro”. Così il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, nel suo intervento che ha concluso la manifestazione nazionale a Roma in piazza San Giovanni Bosco. “Abbiamo vinto – ha aggiunto - perché c'è stato il lavoro di tutti gli attivisti, iscritti e militanti: grazie a coloro che hanno firmato, sono stati nelle piazze e ci hanno creduto. Oggi diciamo che si può cambiare questo paese, riscrivere le leggi che non vanno bene e ridare dignità al lavoro. Questo risultato straordinario lo dobbiamo anche all'unità della nostra organizzazione. Abbiamo tenuto la barra dritta, è una grande vittoria collettiva”.
Nel viaggio per le strade dell'Italia, ha spiegato il segretario, “abbiamo capito che si vuole uscire dalla rassegnazione. Abbiamo ridotto le distanze con le persone che si ritrovano sole nel mercato del lavoro, poveri e precari, siamo stati nei territori tra la gente, uscendo dai luoghi tradizionali: siamo andati fuori dai palazzi e non ci vogliamo tornare, continuiamo a stare nelle periferie e nei luoghi di lavoro”.
Il 6 maggio è una festa che segna la tappa di un percorso: “È iniziato un cammino che ci porterà alla Carta dei diritti universali del lavoro – così Camusso -: abbiamo cancellato una legge che portava precarietà, favorendo l'irresponsabilità delle imprese sugli appalti. Oggi si riparla di lavoro: quello vero, di cui le persone vivono, che non è nei risultati del Jobs Act ma nella realtà quotidiana di tutti”. Oltre alla legge che traduce i quesiti referendari, “due mesi fa abbiamo ottenuto la legge sul caporalato. Ora i voucher sono aboliti, ma la priorità continua ad essere la cancellazione della precarietà. C'è tanto precariato di lunghissimo periodo, anche nel settore pubblico che è l'ossatura dello Stato”.
La situazione del paese non sta migliorando. “I dati sulla disoccupazione dicono che siamo agli ultimi posti dell'Unione europea, soprattutto per i giovani senza lavoro. Al governo chiediamo: quanti posti si potevano creare con i 18 miliardi spesi in decontribuzione? Anche i pensionati, dopo una vita di lavoro, non possono riposarsi ma sono costretti a garantire la sussistenza di figli e nipoti”. In questo scenario, per Camusso, “il Jobs Act ha portato la moltiplicazione dei licenziamenti individuali e collettivi. La dignità dei lavoratori deve essere dignità di tutti, non solo di una parte, e allora al lavoro povero, incerto e frantumato dedichiamo l'articolo 1 della Carta dei diritti. Partiamo da loro per cancellare la marginalità nel mercato del lavoro”.
Camusso ha poi ribadito che la battaglia sull’articolo 18 non è finita: “Non crediate che ci abbiamo rinunciato, continueremo andando in Europa, a partire dalla Carta dei diritti sociali, e ci impegneremo nella contrattazione per mantenere aperta la questione”. Qualcuno, ha detto, “pensava che vinti i referendum ci saremmo fermati. Non è così, non è una parentesi, ma l’inizio di un percorso che ci deve portare alla Carta”. Finalmente, la Carta è stata incardinata alla Camera: “Ebbene da questa piazza chiediamo di nuovo: la discussione deve cominciare davvero”.
Il segretario della Cgil si è poi soffermato sul tema della rappresentanza, attaccando anche le idee del M5S: “Uno non vale uno, il datore è quello che ti dà il lavoro, non è sullo stesso piano del lavoratore. Avevano detto che volevano cambiare tutto, ma in questo sono ben poco originali”. Invece, occorre misurarla davvero la rappresentanza, “applicando finalmente la Costituzione e anche per le controparti”. Il leader della Cgil ha poi abbracciato metaforicamente tutti i lavoratori “in lotta per il rinnovo del contratto, a partire dal terziario e dai settori pubblici. Poi bisogna cambiare la norma sugli 80 euro: “se rimane così diventa una tassa contro la contrattazione, non degna di un paese democratico”.
Insomma, bisogna cambiare segno e direzione alle politiche di questo governo e se qualcuno sostiene che non ci sono risorse, ha detto la sindacalista, “vorrei ricordare i 50 miliardi di corruzione, l’evasione. E poi bisogna tassare le grandi ricchezze per finanziare un piano straordinario per l’occupazione giovanile, magari anche con una dignitosa tassa sulle successioni: in tutta Europa queste cose ci sono e funzionano”. Così come occorre ripartire sulle pensioni: “Il governo non solo non riesce a fare i decreti ma non ha idee. Ribadiamo: bisogna avere una pensione di garanzia per i giovani e dare una prospettiva da chi lavora da tanti anni e non ce la fa più”.
Poi un passaggio sul ddl sulla legittima difesa. “La moltiplicazione di armi non porterà certo alla diminuzione dei femminicidi, anzi rischia di aumentarli. Il progresso della civiltà non è mai segnato dall'uso di armi, ma dal cambiamento dei costumi e delle condizioni delle persone”. A proposito di armi, “dobbiamo rialzare le nostre bandiere della pace: torniamo in piazza per dire stop alle guerre, non ci piace un mondo che fa la gara alla bomba più bella”.
Camusso ha quindi concluso: “La nostra oggi è una festa, per un grande risultato raggiunto, ma è anche un programma di mobilitazione: una festa che ci carica di energia e forza per andare avanti e dire che non smobilitiamo”.
A cura di Emanuele Di Nicola e Stefano Iucci da rassegna.it

Susanna Camusso all'attivo dei quadri e delegati: "Coi referendum abbiamo riportato il lavoro di al centro del dibattito politico. Vorremmo festeggiare, ma non ci possiamo fermare. Il nostro obiettivo è la Carta”
“Siamo quelli che due anni fa hanno deciso di provarci, di affrontare un lungo viaggio per sconfiggere una cappa rassegnata al declino che avvolgeva il lavoro. Per combattere la paura di perdere posti di lavoro che costringe ad accettare tutto. Allora ci siamo detti che bisognava provare a uscire da quel tunnel. E oggi possiamo dire che avevamo ragione. Si poteva e si può scuotere il paese, riportando il lavoro di qualità nell'agenda politica del paese”. Con queste parole, il segretario generale della Cgil Susanna Camusso ha concluso l'Attivo dei quadri e dei delegati del sindacato di Corso d'Italia, oggi 8 aprile. Camusso ha però rilanciato la sfida della Cgil per i diritti, annunciando per il 6 maggio prossimo una grande manifestazione a Roma, in periferia.
“Con la scelta dei referendum e della Carta dei diritti - ha continuato il segretario Cgil - abbiamo deciso di uscire dal recinto del noto per continuare a parlare con tutto ciò che magari non conosciamo, ma che vogliamo rappresentare. Abbiamo quindi deciso di alzare la testa e abbiamo scoperto che si poteva collegare la nostra iniziativa di difesa del lavoro con un dibattito che andasse oltre. L'agenda politica, così, è diventata diversa. In questi due anni, insomma, abbiamo capito che tenendo la nostra barra dritta si può condizionare la politica e non esserne condizionati”.
Tutto ciò va difeso e non dimenticato, secondo Camusso, che ha sottolineato come il suo sindacato non abbia paura del voto: “Non solo perché crediamo nella democrazia, ma anche perché crediamo nel lungo lavoro che abbiamo costruito con milioni di persone. Non stiamo ricattando nessuno, quei milioni di firme non sono un ricatto a qualcuno, sono il sale della democrazia. Perché noi siamo cittadini anche nei luoghi di lavoro”.
“Non ci fermeremo fino a quando non avremo conquistato la Carta dei diritti”. “Era il nostro obiettivo - ha ricordato - e continua a esserlo oggi. Su quello abbiamo chiamato in causa milioni di persone, ne abbiamo discusso in tutta Italia e lo abbiamo fatto per una proposta di cambiamento”.
La Carta resta dunque l'obiettivo. “Perché vuole riunificare i mondo del lavoro, e permetterà di riannodare i fili di un'identità comune. È questa la nostra più grande soddisfazione”. Così come un obiettivo resta la battaglia contro i licenziamenti collettivi, dato che “cancellare i voucher e reintrodurre la responsabilità negli appalti è importante, ma dobbiamo conquistare anche le tutele che erano presenti nell'articolo 18. Non lo dimentichiamo”. La Cgil, poi, non dimentica che “sugli appalti c'è ancora tanto da migliorare”, e che “cancellare i voucher non vuol dire eliminare del tutto la precarietà”. Per questo “la battaglia non è finita”.
L'azione del sindacato di Corso d'Italia, però, passerà anche per un maggior forza nella contrattazione inclusiva, “iniziando a contrattare per coloro che non hanno diritti”, che è “l'utopia possibile della Carta”. Per fare tutto ciò, in ogni caso, serve un grande protagonismo collettivo, per “dare voce a tutti”. Poi ci sono le battaglie per gli ammortizzatori sociali, per il sistema pensionistico e previdenziale, per il rinnovo dei contratti scaduti. Tutti temi “che hanno bisogno di una mobilitazione unitaria”. Ma servono comunque investimenti, “a partire da un piano straordinario per l'occupazione giovanile”.
“Abbiamo voglia di festeggiare, ma non ci possiamo fermare – ha concluso Camusso, lanciando per il 6 maggio un grande manifestazione della Cgil in periferia, a Roma. “Saremo tutti insieme - ha detto - per dire che ci piacciono i risultati che abbiamo raggiunto, ma che si può e si deve continuare. Perché la sfida per i diritti rimane in campo”. da rassegna.it

Creato il:sab 08 apr, 2017 10:51 pm

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

22-11-2017
Roma, Torino, Bari, Palermo e Cagliari. Alle 12.30 interviene ....
22-11-2017
Museo Marino Marini (Firenze): tre lavoratori verso il licenziamento ....
22-11-2017
Una rete internazionale per promuovere e valorizzare l'artigianato ....
22-11-2017
"Gli effetti della congiuntura e in generale del contesto esterno ....
22-11-2017
Nel 2017 "abbiamo arrestato, in flagranza di reato per incendi ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di Internet Soluzioni Srl | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo