RIFORME: FINI-D'ALEMA,SI PUO' RIPARTIRE DA BOZZA VIOLANTE
Lo spirito di Asolo ha dato i suoi frutti: il presidente della Camera, Gianfranco Fini, e l'esponente del Partito democratico, Massimo D'Alema, si sono ritrovati, in merito al percorso da intraprendere per dare sostanza alle riforme istituzionali di cui il Paese ha bisogno, dalla bozza Violante. Dal Teatro Duse di Asolo il presidente Fini ha aperto: "Nella passata legislatura, una delle piu' brevi, la commissione Violante approvo' un testo di riforma dalla quale sarebbe sbagliato non ripartire. C'e' una traccia comune, ripartiamo da li, perche' le riforme possibili sono quelle condivise e non quelle che si sognano. Ripartiamo, dunque, dalla bozza Violante che e' un punto di compromesso riconosciuto anche dalle 14 fondazioni che si sono incontrate su questo tema". Massimo D'Alema ha detto di condividere "pienamente questa necessita'. Occorre un intervento puntuale sulla seconda parte della Costituzione perche' un governo forte ha bisogno di un parlamento forte". A dimostrazione di questa tesi, l'ex presidente del Consiglio porta l'esempio di quanto accaduto al congresso degli Stati Uniti chiamato a valutare il piano Bush: "Se il Senato degli Stati Uniti fosse stato composto da 965 senatori esso sarebbe stato molto meno autorevole".

Notizia del: sab 08 nov, 2008

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

18-10-2019
Partirà alle 15 da piazza Santa Maria Novella la manifestazione ....
18-10-2019
In data odierna la nostra delegazione regionale composta dalla ....
18-10-2019
Sciopero Nazionale di 8 ore per l’intero turno delle lavoratrici ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)