CRISI: LUCCHINI FERMA L'ALTOFORNO, CIG PER 1800 LAVORATORI
Lucchini ferma l'altoforno. Le operazioni di messa in preriscaldo dell'impianto, causa mancanza di commesse, inizieranno venerdì 28 novembre e la fermata si protrarrà fino al 2 gennaio, quando l'altoforno sarà rimesso in moto a scartamento ridotto, non oltre l'attuale 60% della sua capacità produttiva. Un ritmo produttivo su cui lo stabilimento si è attestato dallo scorso 20 ottobre e che ha comportato la messa in cassa integrazione di 450 lavoratori. Conseguenza della fermata dell'altoforno sarà l'espansione della cassa integrazione, che complessivamente dovrebbe riguardare 1.600-1.800 dipendenti. E' quanto anticipato da fonti sindacali impegnate in queste ore in un incontro con i vertici Lucchini. L'acciaieria di Piombino conta 2.300 dipendenti e dal 2005 è parte del gruppo siderurgico russo Severstal. Lunedì 24 novembre Fim, Fiom e Uilm terranno le assemblee di fabbrica per illustrare le modalità di gestione della crisi.(ANSA).
Notizia del: gio 20 nov, 2008

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

14-09-2019
Nei primi sei mesi del 2019 la Toscana ha esportato 3,2 miliardi ....
14-09-2019
Gli auguri della Fnsi al neo sottosegretario Andrea Martella. ....
14-09-2019
Al via il 16 settembre la VI edizione dell’evento annuale ....
14-09-2019
Slc: "Siamo fermamente convinti che lo spirito solidaristico ....
14-09-2019
Lorna Vatta, ingegnere, con esperienza in ambito industriale ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)