AMBIENTE: AL VIA GESTIONE SOSTENIBILE COLLINE METALLIFERE
Un progetto pilota di livello nazionale per certificare il patrimonio forestale toscano compie il primo passo a partire dalla Comunità Montana delle Colline Metallifere nella provincia di Grosseto. Al progetto aderiscono attualmente otto dei ventinove enti tra Comunità montane e Comuni che gestiscono il patrimonio regionale per conto della Regione, per un totale di 24.400 ettari di foreste che saranno certificati sui circa 110.000 ettari complessivi nella regione. Sono i Comuni di Arezzo e Scarlino (Gr) e le Comunità montane Valtiberina, Montagna Fiorentina, Garfagnana, Val di Merse, Val di Cecina e appunto Colline Metallifere. La certificazione forestale è il riconoscimento ufficiale (da parte di un organismo terzo e indipendente) che le pratiche gestionali sono attuate secondo i criteri della gestione forestale sostenibile. A livello mondiale esistono due standard di certificazione forestale, ciascuno dei quali si basa su determinati parametri quantitativi e qualitativi, requisiti fondamentali per attestare che la gestione forestale in un certo contesto territoriale è certificabile come gestione forestale sostenibile. La Regione Toscana promuove l'uso delle foreste e dei terreni forestali nelle forme e ad un tasso di utilizzo capaci di mantenerne la biodiversità, la produttività, la capacità di rinnovazione, la vitalità e la potenzialità di adempiere, ora e nel futuro, a tutte le loro funzioni: ecologiche, paesaggistiche, economiche, sociali, turistico-ricreative, didattiche. Fra gli otto enti c'é la Comunità Montana Colline Metallifere che ha aderito al progetto per due dei complessi forestali che amministra: il complesso forestale di Sassetta in provincia di Livorno e il complesso forestale delle Colline Metallifere in provincia di Grosseto, per un totale di quasi 7mila ettari di superficie forestale. La Comunità Montana Colline Metallifere è il primo ente a raggiungere la fase di piena attuazione del progetto di certificazione forestale. E' stato adeguato alla realtà territoriale delle Colline Metallifere il manuale che la Regione aveva redatto in forma generale, è stato individuato con una gara pubblica il soggetto certificatore e quindi è stato dato inizio alle procedure previste dall'iter di certificazione. In quest'ottica sono state organizzate per la giornata di oggi in provincia di Grosseto due tavole rotonde, una a Sassetta e l'altra a Massa Marittima; l'obiettivo è spiegare la procedura di certificazione e accogliere le osservazioni della collettività. Sono stati invitate le associazioni ambientaliste, le associazioni degli agricoltori, l'Ordine professionale degli agronomi e forestali, il Corpo Forestale dello Stato, i Vigili de l fuoco, associazioni culturali e sportive locali. Sono inoltre presenti sindaci, consiglieri e assessori dei Comuni interessati; presidenti e assessori all'agricoltura delle Provincie di Livorno e Grosseto, associazioni di categoria dei cacciatori, Ambiti Territoriali Caccia, rappresentanti del Parco Val di Cornia, del Circondario Val di Cornia e dei Comprensori di Bonifica. (ANSA).
Notizia del: mer 10 dic, 2008

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

14-09-2019
Nei primi sei mesi del 2019 la Toscana ha esportato 3,2 miliardi ....
14-09-2019
Gli auguri della Fnsi al neo sottosegretario Andrea Martella. ....
14-09-2019
Al via il 16 settembre la VI edizione dell’evento annuale ....
14-09-2019
Slc: "Siamo fermamente convinti che lo spirito solidaristico ....
14-09-2019
Lorna Vatta, ingegnere, con esperienza in ambito industriale ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)