AULLA (MS): IMPRENDITORI INTERESSATI ALL'ICA, LE LAVORATRICI NON SI ILLUDONO

«Eravamo informate della trasferta a Modena del Comune di Aulla, ma di illusioni ce ne sono state servite fin troppe. Ovviamente, siamo felici che ci siano imprenditori interessati all’Ica, ma ora quello che attendiamo sono i piani industriali». A parlare a nome della Rsa/Ica di Cgil, Cisl e Uil è Luisa Pietrini, la quale così commenta la visita di una delegazione dell’amministrazione comunale aullese, capeggiata dal sindaco Roberto Simoncini e dal capogruppo consiliare di maggioranza, Paolo Sordi, recatasi venerdì scorso in Emilia per cercare di dare un futuro all’Ica di Pallerone. Tre le aziende modenesi incontrate da Simoncini e Sordi, tre aziende che si occupano di elettronica e di computer, sulla cui identità viene mantenuto il più stretto riserbo. Una buona notizia, fortunatamente, c’è: le ottantotto operaie hanno ricevuto gli stipendi di novembre e stanno per avere anche le tanto agognate tredicesime: «C’è la liquidità - spiega Luisa Pietrini, contattata telefonicamente - e, quindi, i commissari giudiziali stanno per dare il via libera alla tredicesime. Inoltre, questi ultimi sono in procinto di formalizzare la domanda per la concessione della cassa integrazione straordinaria, della durata di un anno, con possibilità di proroga per ulteriori sei mesi». A seguito della trasferta modenese di venerdì Simoncini si era limitato a rivelare che gli imprenditori incontrati si occupano di elettronica e di computer, aggiungendo che ricambieranno la visita al Comune di Aulla dopo l’Epifania, «quando verranno a rendersi conto personalmente - proseguiva Simoncini - della situazione dell’Ica, ma non solo. Infatti, i contatti che abbiamo preso non riguardano soltanto l’azienda che realizzava cablaggi e componenti elettroniche per elettrodomestici, poiché ci sono prospettive di insediamento per le ditte modenesi nell’area dell’ex polverificio militare di Pallerone». Tra l’altro, prima di Natale altre realtà imprenditoriali verranno ad Aulla per visitare l’ex polverificio. La prospettive riguardanti l’ex polverificio non lasciano certo indifferente la Rsa/Ica: «A noi può stare bene anche lavorare nell’ex polverificio. L’importante è che le nostre professionalità non vengano disperse e se arriveranno aziende specializzate nei computer siamo, ovviamente, disponibili - conclude Luisa Pietrini - a seguire corsi di aggiornamento, se questi si renderanno necessari». Ricordiamo, infine, che le operaie avevano anche organizzato una manifestazione di piazza, per la verità poco riuscita a causa della colpevole indifferenza della popolazione, lo scorso mercoledì 3 dicembre. Una manifestazione a cui seguiranno altre iniziative di lotta nei prossimi mesi. Gianluca Uberti

DA IL TIRRENO

Notizia del: mar 16 dic, 2008

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

16-10-2019
Si intitola 'Docudonna' il primo festival internazionale di documentari ....
16-10-2019
Venerdì 18 ottobre alle ore 15,30 presso la Saletta dei ....
16-10-2019
Boom di pratiche aperte all’Ufficio vertenze del sindacato, ....
16-10-2019
Prima le vessazioni fisiche e psicologiche, poi le minacce di ....
16-10-2019
"Finalmente lo Stato ha un piano di prevenzione e contrasto al ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)