MASSA CARRARA: GLI ISTITUTI MEUCCI E DAZI PENALIZZATI, BISOGNA FERMARE IL RIDIMENSIONAMENTO
Nel corso del mese di dicembre sono stati pubblicati diversi interventi sul dimensionamento della rete scolastica della Provincia, deliberati dal Consiglio provinciale del 28 novembre. Gli interventi apparsi sulla stampa non hanno chiarito al mondo scolastico ed alle famiglie il contenuto della Delibera 53/08 del Consiglio provinciale. Non c’è stata una consultazione dei vari soggetti interessati al dimensionamento. Si è avuto fretta a concludere l’operazione. Le organizzazioni sindacali erano state appena consultate martedì 25 novembre per esprimere il loro parere. La proposta dell’assessore è stata approvata con 15 voti favorevoli, 4 contrari e 2 astenuti, ed è immediatamente eseguibile con la pubblicazione; manca solo la formale approvazione da parte della Regione Toscana. Contenuto della proposta. L’Istituto comprensivo “Dazzi” (che raccoglie studenti del territorio dei comuni di Fosdinovo e Carrara) mantiene l’autonomia scolastica con il trasferimento della sede a Fosdinovo, prendendo il nome di Istituto comprensivo “Manzoni” e conservando gli alunni e i plessi siti nel Comune di Carrara, compreso il Ctp. Il Comune di Carrara viene privato di un’istituzione autonoma, senza una preventiva consultazione per l’aggregazione dei plessi e degli alunni del suo territorio. Aggregazione dell’Istituto d’arte “Palma” di Massa e dell’Ipiam “Tacca” di Carrara al Liceo artistico “Gentileschi” di Carrara. Viene a costituire un’unica istituzione scolastica autonoma con la cessazione dell’autonomia delle due scuole aggregate e delle rispettive segreterie. Variazione dell’autonomia scolastica dell’Itcg “Zaccagna” di Carrara con l’aggregazione dell’Itis “Galilei” di Carrara. Lo scorporo della sede “Galilei” di Carrara dall’Itis “Meucci” di Massa si configura come un’operazione di depotenziamento del polo degli istituti industriali e della loro offerta formativa, che verrebbe spezzata in due sedi, di cui una - quella di Carrara - estremamente debole e con il rischio di estinzione. L’unione dell’Itis “Galilei” con l’Itcg “Zaccagna” rappresenta un’operazione atipica ed anomala, che unisce due indirizzi diversi, i quali, anche nei progetti della riforma, dovrebbero essere separati. La presenza di due corsi serali sembra essere il preludio alla riduzione dell’offerta formativa ad un unico serale, con la quasi sicura scomparsa di quello del “Galilei”. Su quest’ultima delibera, dopo quello dello Snals, si è registrato anche il dissenso delle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl, Uil che non era stato manifestato in sede di consultazione. Preso atto della nuova situazione, sia per il rinvio della riforma degli istituti secondari di 2º grado decisa nell’incontro Governo - sindacati, sia per quanto contenuto nella Leg4.12.2008 n. 189 che ha abolito il commissariamento delle Regioni non ottemperanti al dimensionamento, si invitano i Collegi dei docenti dell’Itis “Meucci” e dell’I.C. “Dazzi” ad intervenire presso la Regione Toscana per mantenere unito il polo degli istituti industriali di Massa - Carrara e per confermare il mantenimento dell’I.C. “Dazzi” nel territorio del Comune di Carrara. Snals-Confsal  DA IL TIRRENO
Notizia del: mar 16 dic, 2008

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

21-07-2019
In arrivo una nuova ondata di caldo, confrontabile a quella che ....
21-07-2019
La crisi del commercio non accenna a finire: dopo la debole 'ripresina' ....
21-07-2019
"Il tempo della trattativa dovrà risolversi in tempi brevi". ....
21-07-2019
Un cedimento del terreno su cui poggiano i binari ha bloccato, ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo