ISTAT: ALLARME FAMIGLIE, IL 5% NON HA I SOLDI NEANCHE PER MANGIARE
E' allarme per le famiglie italiane: nel 2007 il 5,3% ha dichiarato di non avere avuto risorse sufficienti per l'acquisto del cibo e il 15,4% di arrivare con molta difficolta' alla fine del mese. E resta alto il divario tra le condizioni economiche delle famiglie del Nord e quelle del Sud cosi' come, nel Meridione, si rafforza la distanza tra ricchi e poveri. E' questa la fotografia del Belpaese scattata dall'Istat nell'indagine sulla distribuzione del reddito e le condizioni di vita in Italia 2006-2007. Le famiglie riescono sempre meno ad affrontare spese impreviste: quasi un terzo, secondo l'istituto di statistica, ha dichiarato di avere difficolta' a sostenerle per 700 euro (32,9%), una percentuale che al Sud arriva al 46,4%. E aumenta la percentuale di famiglie che ha dichiarato di arrivare con molta difficolta' alla fine del mese, passando dal 14,6% del 2006 al 15,4% registrato a fine 2007. Critica la situazione delle coppie con almeno tre figli, delle famiglie monoparentali (in particolare le madri sole) e degli anziani soli: il 38,2% delle prime e oltre il 40% delle seconde ha dichiarato di non poter affrontare una spesa inattesa di 700 euro. Per gli anziani soli l'insufficienza di risorse per affrontare le spese mediche si registra nel 14,6% dei casi (circa un terzo sopra la media), mentre tra i monogenitori i problemi riguardano in particolare le spese alimentari (8,6% a fronte del 5,3% registrato per tutte le famiglie) e il pagamento delle bollette (il 12,3% si e' trovato in arretrato almeno una volta nei 12 mesi precedenti). La tipologia famigliare che presenta invece minori difficolta' economiche e' quella delle coppie senza figli (nel 2007 soltanto l'11,2% dei casi). Quanto ai redditi, meta' delle famiglie italiane ha guadagnato nel 2006 meno di 1.924 euro al mese, il 2,8% in piu' rispetto al 2005. In media, secondo l'Istat, le famiglie italiane hanno percepito un reddito netto di circa 2.379 euro al mese, tuttavia per il 61,8% il valore si attesta sotto la media. E in questa situazione di crisi, si accentua il divario tra le condizioni economiche delle famiglie del Nord e quelle del Sud e, nel Meridione, e' piu' forte la distanza tra ricchi e poveri. Secondo l'Istat la regione con la situazione piu' critica e' la Sicilia, mentre quella migliore si registra nella provincia autonoma di Bolzano e in Emilia Romagna.(AGI)
Notizia del: lun 22 dic, 2008

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

23-07-2019
"La mancata adozione di interventi correttivi in tempi brevi ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo