DL ANTICRISI: CGIL, NO A ABROGAZIONE STUDI DI SETTORE
No all'abrogazione di fatto degli studi di settore, che avverrebbe se fossero approvati gli emendamenti al decreto anticrisi (presentati in particolare della Lega) che riduce l'efficacia di questi strumenti fiscali. E' quanto chiede al governo la Cgil, in vista della riunione di domani delle Commissioni bilancio e finanze della Camera per l'esame del provvedimento. L'eventuale approvazione di tali proposte di modifica ''potrebbe compromettere ulteriormente il gia' difficile rapporto con il sindacato''.
''Gli emendamenti che prevedono l'abolizione dell'accertamento automatico nei confronti dei contribuenti che denunciano redditi inferiori a quelli previsti dagli studi di settore e l'inversione dell'onere della prova, non piu' a carico di chi non e' in linea con i parametri ma dell'amministrazione fiscale, abrogano di fatto gli studi di settore. E gia' le stesse norme sugli studi di settore contenute nel decreto anticrisi - spiega il responsabile del dipartimento economico della Cgil, Beniamino Lapadula - ne rappresentano un sostanziale svuotamento''.
asca
Notizia del: mer 07 gen, 2009

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

14-09-2019
Nei primi sei mesi del 2019 la Toscana ha esportato 3,2 miliardi ....
14-09-2019
Gli auguri della Fnsi al neo sottosegretario Andrea Martella. ....
14-09-2019
Al via il 16 settembre la VI edizione dell’evento annuale ....
14-09-2019
Slc: "Siamo fermamente convinti che lo spirito solidaristico ....
14-09-2019
Lorna Vatta, ingegnere, con esperienza in ambito industriale ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)