SAN GIOVANNI VALDARNO: LA CGIL FA LA MAPPA DELLE AZIENDE A RISCHIO CASSAINTEGRAZIONE
LA CRISI che attanaglia il mondo del lavoro, sorta nel 2008 e proiettata anche nel 2009, preoccupa seriamente le famiglie, i sindacati, ed ovviamente tutto il tessuto sociale, anche nel nostro Valdarno. Non sono poche le aziende in difficoltà. Già abbiamo parlato delle ferie forzate della Polynt, l’industria chimica di San Giovanni. La Fast Fashion, industria di abbigliamento di Terranuova Bracciolini, di un centinaio di dipendenti, ha già da tempo decine e decine di lavoratori in cassa integrazione, ed il suo futuro è incerto. Ce ne sono in difficoltà, anche in aziende piccole. Ma sul delicato momento di crisi ecco un analisi dei vertici di vallata della Cgil: «La gravità delle difficoltà è piuttosto elevata. E’ un momento di crisi, come non si riscontrava da tantissimo tempo. In questo momento siamo di fronte ad aziende che stanno chiudendo, che hanno grosse difficoltà dal punto di vista degli ordinativi, della struttura finanziaria, che poi si riversa sui lavoratori e sulla struttura economica in generale. E tali aziende generano ricchezza anche attraverso l’indotto».
E quelle in maggiore difficoltà?
«Crediamo che stia nelle piccole aziende, che sono quelle che si notano meno, ma che arrancano di più in questo momento. Perché, fra l’altro, sono quelle che lavorano per le grandi». Ci sono in vista timori di cassa integrazione, specie nelle grandi industrie?
«La Beltrame (Ferriera) ha fatto cassaintegrazione fino a qualche settimana fa, poi ha ripreso ed ha reinterrotto per le feste. Al momento non ci sono aziende di grandi dimensioni né su San Giovanni, né sul Valdarno aretino, a parte la Fast Fashion con svariate decine di dipendenti cassaintegrati, per difficoltà di mercato».
Ed altre? «La Polynt ha difficoltà legate anche a scelte aziendali di qualche genere. Ma non credo che la crisi intaccherà la struttura complessiva dell’azienda. E la Power One? «Non ha grosse difficoltà al momento.
E gli altri settori? «Il settore dell’abbigliamento soffre. L’edilizia è una delle note dolenti in generale». di GIORGIO GRASSI
da La Nazione
Notizia del: ven 09 gen, 2009

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

22-07-2019
Braccini, L’atto formale di trasferimento a Brescia dei ....
22-07-2019
Regionalismo differenziato, Cgil e Flc Cgil Firenze esprimono ....
22-07-2019
Caos treni a Firenze, la Filt Cgil e la Cgil: “Grave episodio ....
22-07-2019
Scuola-Lavoro, rinnovato il protocollo con gli Istituti del circondario ....
22-07-2019
200 riders assunti a Runner Pizza a Firenze: applicazione del ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo