IMMIGRATI: ASS. CATTOLICHE, CON DDL SICUREZZA RISCHIO CAPRO ESPIATORIO

Alla vigilia dell'inizio della discussione al Senato per la conversione del pacchetto sicurezza, le associazioni cattoliche hanno preso carta e penna per esprimere ai senatori il proprio dissenso dalla ''lettera' e dallo ''spirito' del provvedimento e per presentare le proprie controproposte. Comunita' di Sant'Egidio, Acli, il Centro Astalli gestito dai gesuiti, e l'associazione Papa Giovanni XXIII fondata da don Oreste Benzi hanno presentato all'attenzione di Governo e Parlamento alcune proposte per migliorare gli articoli che riguardano alcuni aspetti fondamentali della vita degli immigrati, tra cui il matrimonio, le cure mediche, la residenza, la ''tassa'' sui permessi di soggiorno, il reato di clandestinita', il prolungamento della permanenza nei Centri di identificazione ed espulsione.
''In ogni genere di crisi economica - ha detto il presidente della Comunita' di Sant'Egidio Marco Impagliazzo - c'e' bisogno di qualcuno con cui prendersela, di un capro espiatorio. In Germania, nel '29, furono gli ebrei, e per questo ci fu l'antisemitismo''. Impagliazzo ha messo anche in evidenza che, grazie alla legislazione italiana, c'e' nel nostro Paese un continuo ricambio degli immigrati, con la partenza di quelli piu' integrati, sostituiti da quelli appena arrivati.
Il cosiddetto reato di clandestinita', hanno spiegato oggi le associazioni ''non aumenta la sicurezza ma costringerebbe lo Stato a celebrare con spese esorbitanti decine di migliaia di processi'', mentre l'allungamento del periodo di detenzione amministrativa per i migranti irregolari ''assorbendo ingenti risorse che meriterebbero piu' positiva destinazione, si trasformera' in una sofferta privazione della liberta' personale priva di scopo pratico''. Piu' in generale, le norme del Ddl ''rendere inaccessibili agli stranieri ''irregolari' servizi pubblici anche essenziali, mettendone in alcuni casi a rischio la sicurezza della vita e della salute, senza alcun giovamento ed anzi con maggior danno per la pubblica sicurezza''.

asca

Notizia del: lun 02 feb, 2009

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

23-09-2019
Mentre erano a bordo di un treno ha picchiato la sua ragazza ....
23-09-2019
"Donne in vetrina? Lo voglio conoscere questo signore, mi sembra ....
23-09-2019
"Il primo passo da fare, in tale direzione, è lo stanziamento ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)