Cgil Cisl Uil Categoria, Rsu e Rsa Arpat: Ci si domanda se ha ancora senso parlare di tutela dell'ambiente in Toscana.

La Regione ha lasciato l'agenzia nel caos organizzativo. Impossibile fare programmi e garantire la prosecuzione delle attività istituzionali.
Ha ancora senso parlare di tutela dell’ambiente in Toscana? Questa è la domanda che ci si deve porre dopo che la Regione Toscana ha “esuberato” il Direttore Generale di ARPAT, lasciando l’Agenzia in un caos organizzativo: oggi diventa praticamente impossibile fare programmi e garantire la prosecuzione delle attività istituzionali.
Alcuni dati possono ben chiarire cosa è successo negli ultimi 5 anni (2010-2015):
- i finanziamenti regionali sono scesi da più di 55milioni di euro a meno di 48milioni (-13%);
- il personale è diminuito da 771 dipendenti a 680 (-12%) con un “risparmio” sulla spesa di quasi 5,3milioni (-13%), molto superiore di qualsiasi spending review;
- sono state limitate sia le risorse per la formazione del personale sia gli investimenti (tra 2015 e 2016 mancano 1.600.000 euro previsti nelle Direttive regionali) sia l’acquisto di autovetture;
- nonostante questi “tagli”, nel 2015 sono stati messi in esubero altri 20 dirigenti e 5 di comparto;
- il “nuovo” DG doveva produrre, entro la fine del 2016, una nuova riorganizzazione e adesso si dovrà ricominciare da capo con una prospettiva di ulteriore incertezza;
- in attesa delle scelte organizzative, ben 6 Dipartimenti (Arezzo, Grosseto, Lucca, Piombino, Pistoia, Prato) e 2 Aree Vaste, oltre a varie altre strutture, hanno responsabili “part time”; tra qualche mese scadranno sia questi che tutti gli altri incarichi ed altri se ne aggiungeranno.
In questi stessi anni, invece, doveva esserci un potenziamento dell’Agenzia in considerazione di norme che prevedono prestazioni sempre più specialistiche, di un maggior controllo dell’ambiente chiesto dai cittadini e di risposte rapide e chiare attese dai settori produttivi.
Cosa succederà adesso?
Non è facile dirlo, ma la “reggenza” temporanea da parte del Direttore Tecnico non può essere la soluzione né una eventuale ipotesi di commissariamento. Sarebbe necessario che il Presidente Rossi chiarisse i motivi di quanto è accaduto e che la Giunta prevedesse un piano per il rilancio dell’Arpat anche attraverso finanziamenti straordinari e deroghe ai vincoli occupazionali, indicando tempi e modi per conseguire gli obiettivi.
Infine, ma non per ultimo, deve essere rapidamente nominato un nuovo Direttore Generale, individuando una persona competente, indipendente e senza vincoli di mandato, per dare una stabilità organizzativa all’Agenzia e renderla nuovamente efficace ed autorevole.

FP CGILAlice D’Ercole
FPS CISL Andrea Morandi
UIL FPL Fabrizio Grassi
per RSU ARPAT il Portavoce Matteo Francalanci
Per RSA della Dirigenza di ARPAT: CGIL FP Marco Longo e Stefania Tozzetti
FPS-CISL Luca Petroni ANAAO-Assomed Carlo Cini FASSID SICUS Laura Senatori

...così in ANSA

Ambiente: sindacati, Regione lascia nel caos Arpat  Dopo avvicendamento a direzione Agenzia, Sargentini 'esuberata'
"La Regione Toscana ha 'esuberato' il direttore generale di Arpat, lasciando l'agenzia in un caos organizzativo: oggi diventa praticamente impossibile fare programmi e garantire la prosecuzione delle attività istituzionali". Lo affermano i sindacati della funzione pubblica di Cgil, Cisl e Uil, insieme alla Rsu e Rsa aziendali e ad altre sigle, in merito all'avvicendamento ai vertici dell'agenzia regionale di protezione dell'ambiente. In una nota, la stessa Arpat comunica che "Marcello Mossa Verre, direttore tecnico dell'Arpat ha assunto le funzioni di direttore generale a seguito della cessazione dall'incarico della dottoressa Maria Sargentini". Secondo i sindacati negli ultimi cinque anni i finanziamenti regionali sono diminuiti, così come il personale, sono state limitate le risorse per la formazione e gli investimenti e il "nuovo Dg doveva produrre, entro la fine del 2016, una nuova riorganizzazione mentre adesso si dovrà ricominciare da capo con una prospettiva di ulteriore incertezza". Per le sigle sindacali "la 'reggenza' temporanea da parte del Direttore tecnico non può essere la soluzione né una eventuale ipotesi di commissariamento. Sarebbe necessario che il presidente della Regione Toscana Rossi chiarisse i motivi di quanto è accaduto, e che la Giunta prevedesse un piano per il rilancio dell'Arpat anche attraverso finanziamenti straordinari e deroghe ai vincoli occupazionali, indicando tempi e modi per conseguire gli obiettivi".(ANSA).

Notizia del: gio 22 set, 2016

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

19-10-2017
Cesare Damiano presenta il suo libro sulle pensioni con Paola ....
18-10-2017
Si chiama ''Pizzeria dal rifugiato''. E il nome non è ....
18-10-2017
"Desta seria preoccupazione il contenuto della recente mozione ....
18-10-2017
"I quesiti sono privi di efficacia e finalizzati a strumentalizzare ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di Internet Soluzioni Srl | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo