VIAREGGIO: LO SCIOPERO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO DIPENDENTI MOVER

Una battaglia all'ultimo parcheggio 


L’assedio, il lungo assedio, comincia presto. Alle 11 della mattina i parcheggi delle strade più vicine alla Passeggiata sono già stracolmi, e le macchine degli aficionados del Carnevale in arrivo vengono dirottate altrove. La prima domenica di corso baciata dal sole ha messo alla prova il sistema della sosta. Che se - in generale - ha tenuto assai bene, ha presentato qualche punto di criticità. Da ricordare che la giornata di ieri coincideva anche con lo sciopero proclamato da Cgil e Cisl degli ausiliari della Mover. Un’astensione dal lavoro, spiega Mario Salvadori, della segreteria della Cgil «che è andata bene, anche se i numeri erano assai piccoli. D’altra parte una delle cose che imputiamo a Mover è proprio di aver sacrificato il servizio su strada a quello in ufficio...». Insomma: lo sciopero, per l’azienda che gestisce i parcheggi, è stato poco più di una puntura di spillo. E le casse hanno senz’altro sorriso: a metà mattina i posti lungo via Buonarroti (a pagamento forfettario, 7 euro per tutta la giornata) erano praticamente esauriti. Così come quelli in via Fratti e via Vespucci. E così, a chi arrivava dal Marco Polo, non restava che far altro che ritornare verso monte, causando più di un problema per la circolazione stradale. Nelle strade alle spalle di via Foscolo, invece, la caccia al posto è durata assai più a lungo. Causando anche qualche episodio non proprio commendevole. Vedere per credere quello che è successo lungo via Paolina, alle spalla del liceo Classico: la parte destra della strada, quella riservata alla sosta dei ciclomotori, è stata occupata di forza dalle auto, parcheggiate per metà sopra lo stretto marciapiede. C’è stato poi chi, lungo il lato mare di via Buonarroti non ha resistito alla tentazione di sostare in zona rimozione e si è visto “recapitare” sotto il tergiscristallo l’avviso di infrazione da parte degli uomini della polizia Municipale. Anche i camper non sono mancati: pieni i parcheggi a loro riservati e tanti sono apparsi anche in via Vespucci, lungo la pineta, e in via Zara. Col passare delle ore, come un’onda che si espande, la grande caccia al posto libero è andata oltre i confini di Viareggio. Da un estremo, infatti, la Darsena ha visto l’arrivo di centinaia di macchine, anche in questo caso parcheggiate in maniera improvvisata (eufemismo). Dall’altro, verso nord, la fila delle macchine è arrivata fino alle strade interne di Lido di Camaiore, fino a via Trieste. Anche perché i parcheggi sulla terrazza della Repubblica sono presto andati esauriti. E, girando per le strade congestionate, capita di incappare in qualche episodio curioso. Come quello in via IV novembre, dove una signora, esasperata per la vana ricerca di un posto, ha pensato bene di parcheggiare di fronte a un passo carrabile. Peccato che la manovra è stata effettuata di fronte a un vigile, che l’ha invitata a uscire. In quel momento, è uscita la padrona del passo carrabile, che ha dato il suo benestare al parcheggio “abusivo”. Un gesto di gentilezza, apprezzato dall’automobilista e anche dal vigile. E, speriamo, anche dei suoi colleghi. Luca Cinotti DA IL TIRRENO
Notizia del: lun 16 feb, 2009

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

23-09-2019
"Donne in vetrina? Lo voglio conoscere questo signore, mi sembra ....
23-09-2019
"Il primo passo da fare, in tale direzione, è lo stanziamento ....
23-09-2019
Tre bandi che mettono a disposizione complessivamente 6 milioni ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)