CRISI: CGIL, WELFARE RIPARTISCA RISORSE DISPONIBILI PER AMMORTIZZATORI
''Il primo atto necessario ed urgente e' che il Ministero del Lavoro ripartisca tutte le risorse gia' attualmente disponibili in attesa del definitivo via libera all'intesa da parte dell'Europa''. A chiederlo e' il segretario confederale della Cgil, Fulvio Fammoni, dopo l'accordo siglato tra Governo e Regioni relativo alla dotazione economica degli ammortizzatori in deroga per gli anni 2009/10.

''Il ritardo - sostiene il sindacalista - e' gia' gravissimo ed ogni giorno ulteriormente perso comportera' altri problemi per i lavoratori di cui il governo dovra' rispondere''.

Inoltre, prosegue Fammoni, ''il governo ha anche in questo caso voluto escludere, nonostante la delega sia ancora attiva, l'ipotesi di riforma dell'attuale sistema degli ammortizzatori. Questo conferma un grave e sbagliato atteggiamento ed evidenzia la volonta' di arrivare con diversi provvedimenti a una specie di ''riforma di fatto'. Al contempo, continua Fammoni, ''il governo non ha risolto problemi che devono urgentemente essere affrontati, come i vizi di incostituzionalita' presenti nel testo della legge 2 del 2009 verso i quali confermiamo il nostro ricorso alla corte Costituzionale''. Cosi' come, ''e' urgente intervenire sui problemi relativi alla precarieta' con norme di accesso alle indennita' di disoccupazione ordinaria e con requisiti ridotti, norme certe ed esigibili per collaboratori e somministrati''.

Al governo, inoltre, Fammoni chiede ''una specifica iniziativa per i precari della Pubblica amministrazione e della scuola che confermi la richiesta di blocco dei licenziamenti previsti dal governo e che, in ogni caso, introduca ammortizzatori anche per tutto il settore pubblico''. Infine, ''e' necessario superare i tetti economici per la cassa integrazione''.

Per il dirigente sindacale della Cgil questi sono ''tutti temi che evidentemente dovrebbero far parte di una organica riforma del sistema degli ammortizzatori, ma che devono comunque essere urgentemente risolti perche' le scelte sbagliate del governo non si scarichino su lavoratori, disoccupati e precari''.
asca
Notizia del: lun 16 feb, 2009

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

23-09-2019
Mentre erano a bordo di un treno ha picchiato la sua ragazza ....
23-09-2019
"Donne in vetrina? Lo voglio conoscere questo signore, mi sembra ....
23-09-2019
"Il primo passo da fare, in tale direzione, è lo stanziamento ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)