STUPRI: STRETTA IN 12 ARTICOLI. ERGASTOLO E RONDE CON EX AGENTI

Ergastolo in caso di omicidio commesso in occasione dei delitti di violenza sessuale e ''possibilita' per i sindaci di avvalersi della collaborazione di associazioni tra cittadini non armati'', tra cui ex rappresentanti delle Forze dell'ordine o Polizia municipale. Sono, questi, alcuni dei punti del decreto anti-stupri approvato in 12 articoli dal consiglio dei ministri.
Il provvedimento introduce inoltre il gratuito patrocinio esteso a tutte le vittime dei reati di violenza sessuale; l'allungamento dei tempi di trattenimento fino a sei mesi degli stranieri irregolari nei centri di indentificazione ed espulsione; modifiche al Codice di procedura penale e all'ordinamento penitenziario.
Quanto al Cpp, si estende l'obbligatorieta' della custodia cautelare in carcere per i delitti di prostituzione minorile, pornografia minorile, iniziative turistiche volte allo sfruttamento della prostituzione minorile. Si prevede inoltre l'arresto obbligatorio in flagranza per violenza sessuale con possibilita' di procedere con rito direttissimo e processo entro le 48 ore. Intervenendo sull'ordinamento penitenziario invece, limita l'applicazione dei benfici penitenziari previsti dalla legge Gozzini ai condannati per i delitti di violenza sessuale, atti sessuali con minorenni, violenza sessuale di gruppo.
Il decreto si occupa anche del Controllo del territorio.
L'art.6 prevede infatti, ''ai fini dell'attuazione di un piano straordinario di controllo del territorio'', tra l'altro, l'immediata assegnazione al ministero dell'Interno di risorse fino a 100 milioni di euro; l'assunzione di circa 2500 unita' di personale delle Forze di Polizia; l'uso da parte dei Comuni di sistemi di video-sorveglianza in luoghi pubblici o aperti al pubblico. Quanto alle cosiddette 'ronde', ''le associazioni di cittadini sono iscritte in apposito elenco a cura del Prefetto''. Entro 60 giorni dall'entrata in vigore della legge di conversione del decreto approvato oggi, il ministro dell'Interno emanera' poi un altro decreto per determinare ''gli ambiti operativi'' e ''i requisiti per l'iscrizione all'elenco''.
Dall'articolo 7 al 12, il testo introduce infine il ''nuovo delitto di 'atti persecutori', il cosiddetto 'stalking''' e lo punisce con la ''reclusione da sei mesi a quattro anni. La pena puo' aumentare se il fatto e' commesso dall'ex partner o nei confronti di soggetti particolarmente vulnerabili''. La norma, oltre a obbligare a una maggiore informazione sui centri antiviolenza, istituisce infine un numero verde a favore delle vittime.

asca

Notizia del: ven 20 feb, 2009

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

23-09-2019
"Donne in vetrina? Lo voglio conoscere questo signore, mi sembra ....
23-09-2019
"Il primo passo da fare, in tale direzione, è lo stanziamento ....
23-09-2019
Tre bandi che mettono a disposizione complessivamente 6 milioni ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)