ENI: MARTINI CHIEDE CONFRONTO VERTICI PER RAFFINERIA LIVORNO
In un periodo di crisi economica globale Livorno deve fare i conti anche sul futuro della raffineria Eni di Stagno, che sembra non rientrare più nei piani strategici della società che pare intenzionata a percorrere la strada del disimpegno mettendo in pericolo 400 posti di lavoro. Per questo il presidente del Regione Toscana, Claudio Martini, ha scritto una lettera ai vertici dell'azienda per chiedere un confronto sul futuro dello stabilimento. "Registro segnali di attenzione da parte dei vertici dell'Eni - ha spiegato Martini - e credo che a breve verrà fissato un incontro nel quale avviare un confronto". Dopo le manifestazioni d'interesse per l'acquisto dello stabilimento da parte di altri soggetti imprenditoriali, lo scoglio più difficile da superare è quello della bonifica. "Il Governo - ha detto Martini - ci ha già spiegato che non ci sono le risorse necessarie per far fronte agli interventi di bonifica di Piombino, Livorno e Massa, dunque la questione è aperta e delicata". Sul punto il sindaco di Livorno, Alessandro Cosimi, però ha già suggerito di impegnare l'Eni proprio nell'effettuazione della bonifica anche in caso di disimpegno. "Ne dovremo parlare quando avremo l'incontro con l'Eni - ha concluso Martini - ma ora è importante soprattutto farsi carico del problema e avviare un confronto". (ANSA).
Notizia del: ven 20 feb, 2009

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

22-09-2019
Inaugurata stamani a Stia (Arezzo) la parte iniziale della più ....
22-09-2019
La popolazione della Versilia, sulla costa toscana, ha avvertito ....
22-09-2019
la situazione di maltempo sulla Toscana con il transito previsto, ....
22-09-2019
L'indagine definita dal Dap "complessa e delicata", ha interessato ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)