Slc Cgil: Poste Italiane, ripartita la mobilitazione. 5-22 settembre sciopero prestazioni straordinarie e aggiuntive

“Abbiamo riaperto il Conflitto Regionale per coerenza con tutto quanto abbiamo rivendicato unitariamente e che ancora manca negli Uffici, nei Centri di Recapito e nelle condizioni di lavoro delle persone”

La Slc Cgil Area Servizi Toscana da tempo denuncia una situazione di pesante disagio in tutta la Toscana dovuta alla carenza di personale. A Firenze tale carenza è stimata fra il 27-30% nel recapito, coperto da tempi determinati, e del 40% nella sportelleria con uffici con dietro il vetro il direttore. Ancora, nella città di Prato è in corso la sperimentazione della consegna a giorni alterni. Prima, ogni giorno, c’era un addetto per ognuno dei due ‘giri’, oggi un solo addetto un giorno fa un giro e un giorno l’altro. Impossibile pensare che la cosa non crei problemi nei tempi di consegna.
Sull’insieme delle criticità ieri c’è stato un tentativo di conciliazione fra azienda e sindacato con esito negativo. Subito dopo la Slc ha proclamato lo sciopero delle delle prestazioni straordinarie e aggiuntive in tutta la Toscana in ambito posta, comunicazione e logistica (Pcl) e Mercato Privati (Mp [finanziario, commerciale e uffici postali]) dal 22 di Settembre al 5 di Ottobre prossimi.

Le richieste
1) un preciso programma di passaggi dal part al full time sia nel recapito che agli sportelli;
2) ampliamento del periodo di lavoro del personale con contratto a tempo determinato anche in Toscana come già fatto in Lombardia e Piemonte;
3) piano di stabilizzazione dei tempi determinati precari senza i quali il recapito non avrebbe avuto alcuna possibilità di restare in piedi;
4) avvio della sperimentazione di contratti a tempo determinato, di apprendistato e fomazione lavoro in ambito Mercato Privati come già avvenuto in altre regioni.

La nota di lancio dello sciopero
“Dopo i precedenti 90 giorni di agitazioni unitarie”, si legge nella nota di lancio della sciopero, abbiamo riaperto il Conflitto Regionale come Slc Cgil , per coerenza con tutto quanto abbiamo rivendicato unitariamente e che ancora manca negli Uffici, nei Centri di Recapito e nelle condizioni di lavoro delle persone”. “Invitiamo tutti”, si legge ancora a riflettere che avere un calendario di incontri a livello centrale, non è di per se stesso elemento di garanzia sufficiente con un'azienda che non ha onorato parti importanti di precedenti accordi e che ha riorganizzato il recapito in maniera fallimentare”. Nell’invitare tutti ad uno sciopero compatto per piegare l’azienda sulle richeste del sindacato la nota ricorda che “la mobilitazione nel chiedere soluzioni e risposte adeguate ne rivendica l’urgenza”.


 

Notizia del: mer 13 set, 2017

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

20-09-2017
Misure di sostegno a 5mila disoccupati, Cgil-Cisl-Uil Toscana: ....
19-09-2017
Allo sciopero regionale dei ferrovieri di oggi si è registrata ....
19-09-2017
Come affrontare le sfide del futuro e dare voce alla voglia di ....
19-09-2017
Depositato in Senato il ddl che vuole rilanciare i principi e ....
19-09-2017
Sequestrato a Catena di Quarrata (Pistoia) un immobile fatiscente, ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di Internet Soluzioni Srl | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo