Nuovi licenziamenti alla Rifle di Barberino del Mugello, Filctem Cgil e Femca Cisl preparano mobilitazioni

Nuovi licenziamenti alla Rifle di Barberino del Mugello. Filctem Cgil e Femca Cisl Firenze: “Rifle sta attuando una vera e propria ristrutturazione aziendale. Ma perché allora non ricorrere agli ammortizzatori sociali?”. In arrivo mobilitazioni

Venerdì 10 novembre, a soltanto un mese di distanza, la RIFLE di Barberino di Mugello ha licenziato altri 2 lavoratori, anche in questo caso, come a ottobre, le lettere sono state consegnate senza preavviso ai due lavoratori coinvolti. Nonostante le proteste dei lavoratori, lo sciopero di un mese fa e le rassicurazioni date alla Regione dai dirigenti di RIFLE (secondo i quali i 3 licenziamenti di ottobre erano una “operazione chirurgica”), la riduzione del personale continua a ritmo serrato. Non sono soltanto i licenziamenti a gravare sui lavoratori della RIFLE, infatti, oltre alla riduzione di 5 posti di lavoro (numero che potrebbe essere ancora parziale), l'azienda ha richiesto a molte lavoratrici, di accettare una riduzione dell'orario di lavoro. La richiesta (o forse una minaccia?) è di quelle da far tremare i polsi, o si accettano le riduzioni dell'orario di lavoro, e conseguentemente del salario, oppure l'azienda procederà con ulteriori licenziamenti.
Ormai il quadro è chiaro, RIFLE sta attuando una vera e propria ristrutturazione aziendale, i numeri di bilancio di RIFLE parlano di una forte crisi e l'azienda sta procedendo, senza mezzi termini, a tagliare posti di lavoro.Sappiamo che i licenziamenti e la riduzione dell'orario di lavoro comportano pesanti conseguenze sulle situazioni familiari di chi li subisce, e allora ci chiediamo, come mai non si è scelto l'utilizzo degli ammortizzatori sociali?Si possono adottare il contratto di solidarietà, oppure la cassa integrazione straordinaria per crisi, che consentirebbero all'azienda la necessaria riduzione dei costi e ai lavoratori di riorganizzare le proprie famiglie.Nei prossimi giorni organizzeremo una nuova assemblea sindacale e chiederemo nuovamente la convocazione dell'Unità di crisi lavoro della Regione, inoltre ci riserviamo nuove forme di lotta che decideremo insieme ai lavoratori.
Firmato: Filctem Cgil e Femca Cisl Firenze

...così in ANSA

Lavoro: Toscana; sindacati, nuovi licenziamenti alla Rifle 'Perché azienda non utilizza gli ammortizzatori sociali?'
"Venerdì 10 novembre, a soltanto un mese di distanza, la Rifle di Barberino di Mugello ha licenziato altri due lavoratori" e "anche in questo caso, come a ottobre, le lettere sono state consegnate senza preavviso ai due lavoratori coinvolti. Nonostante le proteste dei lavoratori, lo sciopero di un mese fa e le rassicurazioni date alla Regione dai dirigenti di Rifle (secondo i quali i tre licenziamenti di ottobre erano una 'operazione chirurgica'), la riduzione del personale continua a ritmo serrato". Lo riferisce una nota sindacale diffusa dalle sigle Filctem Cgil e Femca Cisl Firenze. "Non sono soltanto i licenziamenti a gravare sui lavoratori della Rifle - prosegue il testo - infatti, oltre alla riduzione di cinque posti di lavoro (numero che potrebbe essere ancora parziale), l'azienda ha richiesto a molte lavoratrici, di accettare una riduzione dell'orario di lavoro. La richiesta (o forse una minaccia?) è di quelle da far tremare i polsi: o si accettano le riduzioni dell'orario di lavoro, e conseguentemente del salario, oppure l'azienda procederà con ulteriori licenziamenti. Ormai il quadro è chiaro, Rifle sta attuando una vera e propria ristrutturazione aziendale, i numeri di bilancio di Rifle parlano di una forte crisi e l'azienda sta procedendo, senza mezzi termini, a tagliare posti di lavoro". "Sappiamo - concludono i sindacati - che i licenziamenti e la riduzione dell'orario di lavoro comportano pesanti conseguenze sulle situazioni familiari di chi li subisce, e allora ci chiediamo, come mai non si è scelto l'utilizzo degli ammortizzatori sociali? Si possono adottare il contratto di solidarietà, oppure la cassa integrazione straordinaria per crisi, che consentirebbero all'azienda la necessaria riduzione dei costi e ai lavoratori di riorganizzare le proprie famiglie. Nei prossimi giorni organizzeremo una nuova assemblea sindacale e chiederemo nuovamente la convocazione dell'Unità di crisi lavoro della Regione, inoltre ci riserviamo nuove forme di lotta che decideremo insieme ai lavoratori". (ANSA)

Notizia del: lun 13 nov, 2017

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

23-11-2017
La Regione Toscana mette a disposizione quattro milioni di euro ....
23-11-2017
Dopo l'affossamento alla Camera della proposta di legge sul ritorno ....
23-11-2017
Giornata di mobilitazione nazionale domani, con assemblee trasversali ....
23-11-2017
Il Black Friday 2017 segna anticipatamente un primato, ma non ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di Internet Soluzioni Srl | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo