Mps: Bankitalia, comportamenti fraudolenti ex vertici. Su fresh dichiararono il falso anche sindaci

"Gli effetti della congiuntura e in generale del contesto esterno sul bilancio della banca, di per sé già profondi, sono stati amplificati dai comportamenti gravi e fraudolenti posti in essere sin dal 2008 dai precedenti esponenti di vertice, che hanno indebolito gravemente la banca e ne hanno messo in discussione la reputazione". Così il capo vigilanza Bankitalia Carmelo Babagallo in audizione su Mps."Tali comportamenti - emersi progressivamente grazie alle attività di verifica della Banca d'Italia e alle indagini dell'Autorità Giudiziaria - sono oggi al vaglio del giudice penale.

Mps: Bankitalia, su fresh dichiararono il falso anche sindaci
Nell'operazione Fresh, messa in piedi per rafforzare il capitale di Mps in seguito all'acquisto di Antonveneta la Banca d'Italia "non si accontentò di vedere i nuovi contratti nuovi. Ma chiese che il Collegio sindacale e la funzione di compliance di fare una relazione giurata che diceva che i contratti erano conformi, loro l'hanno portata". E' quanto ha detto il capo della vigilanza di Bankitalia Carmelo Barbagallo in auduzione alla commissione banche precisando che "Non solo falsificavano i contratti ma facevano anche dichiarare il falso al collegio sindacale e al responsabile della compliance".

Mps: Bankitalia, 107 debitori con prestiti sopra 25 mln
Alla fine del 2016 i crediti deteriorati di Mps erano "ripartiti tra quasi 190.000 debitori e frazionati e distribuiti lungo tutto il territorio nazionale; per l'84 per cento essi riguardano imprese, in larga parte medio-piccole": lo ha detto il capo della Vigilanza di Bankitalia Carmelo Barbagallo in audizione alla commissione di inchiesta sulle banche precisando che coloro "che hanno ricevuto prestiti singolarmente superiori a 25 milioni sono 107 e rappresentano, per ammontare, il 12,7 per cento del credito deteriorato totale". Secondo Barbagallo, inoltre "i dati disponibili non mostrano un contributo decisivo di Banca Antonveneta agli NPL di MPS. All'atto dell'acquisizione - ha spiegato - i prestiti della ex banca veneta presentavano una rischiosità più accentuata rispetto a quelli del Monte, ma la loro incidenza su quelli del gruppo era di poco superiore al 20 per cento. Inoltre, a fine 2016, la quota di crediti deteriorati erogati nel Nord-Est è pari al 18 per cento degli NPL del gruppo". (ANSA).

Notizia del: mer 22 nov, 2017

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

16-12-2017
Carige chiude, dopo due giorni di trattative, l'accordo con i ....
16-12-2017
Sciopero Ataf (Firenze), adesione importante. Lulurgas (Filt ....
16-12-2017
Braccini, “il settore del gioco rappresenta la terza industria ....
16-12-2017
Quattro minorenni lucchesi sono stati fermati stamani dalla polfer ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di Internet Soluzioni Srl | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo