Le donne guadagnano in media il 23% in meno degli uomini : "E' il più grande furto della storia"

A puntare l'indice contro la disparità di genere in tema di retribuzioni è l'Onu in un rapporto sul divario salariale uomo-donna.
Dati alla mano, una donna guadagna in media 77 centesimi, laddove un uomo guadagna un dollaro. E il futuro non fa ben sperare: il gap migliora lentamente e secondo l'Onu, in assenza di azioni forti, ci vorranno oltre 70 anni per colmarlo.
Ad aggravare il gap salariale contribuisce tutta una serie di fattori: dalla minore partecipazione al mercato del lavoro alla mancata retribuzione per il lavoro domestico, alla discriminazione. E il divario si acuisce con l'età ed in presenza di figli: secondo le stime ad ogni nascita le donne perdono in media il 4% del loro stipendio rispetto a un uomo, i padri invece vedono invece il loro reddito crescere del 6%. Ma tra i paesi sussistono differenze rilevanti, anche se le metodologie usate dalle diverse organizzazioni non sono omogenee. Basandosi sui dati Ocse, emerge che in Giappone il gap è al 25,7%, negli Usa al 18,9%, in Gran Bretagna al 17.1%, in Germania al 15,7%. Secondo l'organizzazione internazionale del lavoro nel 2015 fa parte della popolazione attiva il 76,1% degli uomini, ma per le donne la percentuale scende al 49,6%. Le donne inoltre dovrebbero lavorare tre mesi in più rispetto agli uomini per colmare il differenziale. Tra gli interventi in favore della parità salariale sicuramente l'Onu indica politiche in favore del part-time e che facilitino i congedi parentali e maggiore assistenza per l'inflanzia. L'Italia se si considera il reddito annuo lordo (RAL)  secondo il Gender Gap Report 2017 di JobPricing, si colloca, al 50esimo posto nel mondo per gap salariale tra uomini e donne, sotto - cioè con divari più ampi - a molti Paesi europei come Francia, Finlandia, Spagna e altri.

Notizia del: sab 20 gen, 2018

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

20-07-2018
Favorire e sostenere l'inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati. ....
20-07-2018
Oggi incontro in Regione. Bartoli (Fillea Cgil): “Mantenere ....
20-07-2018
L'Azienda regionale per il diritto allo studio universitario ....
20-07-2018
Dopo le due delibere varate dalla giunta per la riduzione dei ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo