Morte di Mirko Carovano (Livorno), il segretario Cgil Zannotti: "Perso un compagno e un fratello"

È stato trovato senza vita nel pomeriggio di martedì 13 febbraio Mirko Carovano (già iscritto Fiom Cgil, ex operaio della Delphi), il 43enne livornese che era scomparso da casa da lunedì 12, proprio nel giorno del suo compleanno. Il corpo dell'uomo è stato rinvenuto dai ricercatori in una zona boscosa vicino a Montenero. Di lui si sono perse le tracce una volta tornato dalla manifestazione antirazzista di Macerata, alla quale aveva partecipato con entusiasmo, come dimostrano le numerose fotografie pubblicate sul suo profilo Facebook. Poi di lui non si è saputo più nulla. Dal momento della sua scomparsa era partito un appello sui social network per ritrovarlo, ma purtroppo l'uomo è stato trovato senza vita.

Morte di Mirko Carovano, Zannotti (Cgil Livorno): “Chiedevi solo lavoro e dignità, questa società è un rullo compressore che ti usa e ti getta via: tu volevi cambiarla. Abbiamo perso un compagno e un fratello”

Morte di Mirko Carovano, la Cgil di Livorno esprime sgomento e offre la propria solidarietà alla famiglia. Queste le parole di Fabrizio Zannotti, segretario generale Cgil Livorno:
“Caro Mirko, ci siamo conosciuti per caso, davanti ad un panino, abbiamo condiviso ideali, emozioni, abbiamo fatto tante cose insieme. Sono 363 giorni che sono segretario generale della Cgil, di quella Cgil che amavi e dalla quale pretendevi di più. Ci siamo visti due settimane fa, ti sentivi solo, quella solitudine che colpisce un uomo quando viene colpito nella sua dignità: ti chiedo scusa se non sono riuscito a starti vicino e a ridarti la dignità che meritavi. Tanti si chiedono perché. La risposta è semplice: quando un uomo è senza lavoro è senza dignità, quella dignità per la quale te ti sei tanto battuto; diventa vulnerabile nella sua essenza, quella di sentirsi utile per la società. Sì, la dignità, la dignità del più debole, la dignità degli ultimi, quel sentirsi utili, solidali, insomma Compagni con la “C” maiuscola, in una società dove l’uomo ormai è carne da macello, un numero da liquidare con un fax.
Una delle ultime volte che ci siamo visti eravamo davanti alla tua fabbrica, alla Delphi; durante il viaggio in auto ci chiedevamo come un’area cosi importante fosse diventata un edificio di archeologia industriale nell’indifferenza del ‘sistema’.
Oggi mi sento un fallito, ho perso un compagno e un fratello. Mirko, questa società è un rullo compressore, ti schiaccia, ti usa e ti butta via. Tu volevi cambiarla questa società, tu volevi vivere dignitosamente, tu volevi che gli ultimi avessero delle possibilità, e la dignità e il rispetto che hanno i potenti. E’ un reato oggi vivere dignitosamente? No, dovrebbe essere la normalità. In fondo chiedevi un lavoro, la tua dignità, la tua e di altri. Chiedevi una società più solidale, che non lascia indietro nessuno. Credevi nell’antifascismo, pretendevi che il sangue rosso come la nostra bandiera fosse uguale per tutti. E sei stato travolto. Hai lasciato un vuoto dentro di me che sarà difficile da colmare. Non so come sarò in grado di reagire, ora sono troppo distrutto. Però mi piace immaginarti nella ‘Locomotiva’ di Guccini: ‘Gli eroi son tutti giovani e belli’.
Ciao compagno, non ti dimenticherò mai”.

Notizia del: mer 14 feb, 2018

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

25-02-2018
Dal no al fascismo al si al lavoro. “Mai più fascismi”. ....
23-02-2018
(di Raniero Nanni) Sarà un'ondata di gelo "storica", con ....
23-02-2018
Le modalità operative della criminalità organizzata ....
23-02-2018
Le scuole calabresi e campane sono quelle meno attrezzate per ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di Internet Soluzioni Srl | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo