Sanità: forniture protesi, 'rivolta' contro azienda toscana Da Oristano appello a Regione dopo appalto da 13 milioni

Aziende del settore e associazioni dei disabili unite per denunciare presunte inadempienze gravi della Home Care Solutions, l'azienda di Pontedera, in Toscana, che si è aggiudicata l'appalto quadriennale della Regione Sardegna da 13 milioni di euro per le forniture ortoprotesiche. "Un appalto che fa acqua da tutte le parti", hanno detto senza mezzi termini il portavoce della Fioto (Federazione italiana degli operatori in tecniche protesiche) Salvatore Ruggiu e il presidente Gianni Moi nel corso di una conferenza stampa, denunciando una lunga serie di disservizi e illeciti di cui si sarebbe resa responsabile la Homecare Solutions. Ruggiu e Moi hanno parlato in particolare di tempi di consegna biblici, assenza nelle fasi di consegna del tecnico ortopedico che dovrebbe occuparsi dell'adattamento dell'ausilio e spiegarne l'uso all'utente, consegna di ausili e presidi ortopedici senza imballo e spesso sporchi, mancata sanificazione degli ausili usati e medici prescrittori esclusi dal collaudo obbligatorio. Irregolarità e illeciti, hanno spiegato ancora il portavoce e il presidente della Fioto, confermati anche da un'indagine affidata a una società investigativa privata. Della vicenda la Fioto ha interessato anche le Procure della Repubblica di Cagliari, Sassari, Oristano e Lanusei con un esposto presentato già nell'estate del 2017 per chiedere accertamenti sulla corretta esecuzione del contratto facendo riferimento a due precise ipotesi di reato: frode in pubbliche forniture e esercizio abusivo della professione di tecnico ortopedico. "In gioco non c'è soltanto la salute ma anche la dignità degli utenti", hanno ribadito Alfio Desogus e Annamaria Cadeddu, rispettivamente presidenti delle associazioni "Fish" (Federazione Italiana per il superamento dell'handicap) e "Charcot-Marie-Tooth" (malattie rare) che riuniscono oltre 50 associazioni di disabili che operano in tutta l'isola. "L'appalto unico non sta danneggiando solo gli utenti ma anche le aziende sarde del settore, che hanno registrato un crollo dei fatturati pari al 30/40% e cancellato una ventina di posti di lavoro", hanno concluso Ruggiu e Moi lanciando un appello alla Regione, che finora non ha dato alcuna risposta, per la convocazione a breve termine di un tavolo tecnico con tutte le parti interessate. (ANSA).

Notizia del: ven 16 feb, 2018

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

22-09-2018
“L'aggressione di stampo fascista avvenuta questa notte ....
22-09-2018
Stamani conferenza stampa di Cgil, Cisl, Uil e assemblea dei ....
22-09-2018
Crisi CFT: la FILCAMS CGIL Toscana chiede un confronto per sapere ....
21-09-2018
La criminalità organizzata pare aver imparato a fare squadra. ....
21-09-2018
'Invisibili' al lavoro: sospesa una ditta edile e multato un ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo