Lavoro: Bassilichi; Fiom Cgil, stato di agitazione permane

"Abbiamo avuto la notizia ieri sera che le commesse scadute o in via di scadenza andranno in continuità; la firma ancora non c'è, ma c'è un accordo verbale tra le parti". Lo afferma Massimo Onori, segretario della Fiom Cgil di Siena, al termine dell'assemblea dei lavoratori di Bassilichi. Nei giorni scorsi la stessa sigla sindacale aveva paventato il rischio licenziamento per 80 dipendenti degli stabilimenti senesi a causa delle difficoltà dell'azienda a rinnovare due commesse, una con banca Mps e l'altra con Poste Italiane. "Permane comunque lo stato di agitazione fino a quando non ci sarà presentato il piano industriale o non ci sarà illustrato come l'azienda intende intercettare nuove commesse che garantiscano prospettive concrete d'occupazione", spiega Onori che conclude: "E' stata risolta la fase d'emergenza ma non è sufficiente".(ANSA)

Notizia del: ven 16 feb, 2018

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

22-09-2018
“L'aggressione di stampo fascista avvenuta questa notte ....
22-09-2018
Stamani conferenza stampa di Cgil, Cisl, Uil e assemblea dei ....
22-09-2018
Crisi CFT: la FILCAMS CGIL Toscana chiede un confronto per sapere ....
21-09-2018
La criminalità organizzata pare aver imparato a fare squadra. ....
21-09-2018
'Invisibili' al lavoro: sospesa una ditta edile e multato un ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo