Lavoro: Confcooperative, in Toscana 79mila 'neet' 25-34 anni

Sono 79mila i giovani toscani fra i 25 e i 34 anni non impegnati nello studio, né nel lavoro né nella formazione, i cosiddetti "neet": lo rivela il focus Censis Confcooperative "Millennials, lavoro povero e pensioni: quale futuro?", elaborato su dati 2016, secondo cui i neet sono circa il 20% dei giovani toscani (380.172 mila nel 2016), e un numero assai inferiore rispetto alle regioni del sud, dove si contano 360mila neet in Campania o 316mila in Sicilia. Il tasso di disoccupazione nella fascia d'età è del 12,4% (17,7% la media nazionale), e l'inattività è del 18,9% contro il 26,8% nazionale. "La nostra è comunque una regione con una quantità di giovani ridotta - afferma in una nota Claudia Fiaschi, presidente di Confcooperative Toscana - molti giovani in età attiva scelgono infatti di migrare in altre regioni e altri paesi. Per questo motivo l'investimento sull'occupazione e la formazione in termini di capacità di impresa rimane centrale fra le azioni da intraprendere". Confcooperative Toscana si dice impegnata per incrementare l'occupazione giovanile attraverso progetti mirati come Toscana 2020 per le scuole, Coop Up per sviluppare idee imprenditoriali, e i programmi di servizio civile. (ANSA).

Formazione: Garanzia giovani,500mila euro per corsi per Neet
A disposizione 500.000 euro per i corsi rivolti ai Neet, ovvero ai giovani che non studiano nè lavorano, con il programma Garanzia giovani. E' quanto spiega in una nota la Regione Toscana. In particolare dal prossimo 21 marzo 2018 gli enti accreditati potranno presentare domanda per il finanziamento di corsi di formazione individuale o comunque mirata (da 1 a un massimo di 3 partecipanti per un massimo di 100 ore), rivolti ai Neet, età tra i 18 e i 29 anni, registrati al programma Garanzia giovani e già individuati nominativamente in fase di presentazione del progetto. I percorsi formativi professionalizzanti specialistici, anche di alta formazione, rispondenti all'effettivo fabbisogno del contesto produttivo locale, si spiega, dovranno fornire conoscenze e competenze necessarie a facilitare l'inserimento lavorativo sulla base dell'analisi degli obiettivi di crescita professionale e delle potenzialità del giovane. "La Regione toscana - informa l'assessore toscano all'istruzione, formazione e lavoro Cristina Grieco - in questa prima fase di applicazione del piano di attuazione di Garanzia giovani mette a disposizione un totale di 500 mila euro. E' un tassello delle politiche che da tempo la Regione ha messo in campo a favore dell'autonomia e dell'occupazione giovanile che ha visto la Toscana apripista, con il progetto Giovanisì per quello che sarebbe poi diventato Garanzia giovani. Dal 2014 le politiche di Garanzia giovani e Giovanisì costituiscono un sistema integrato di interventi che ha coinvolto quasi 350 mila giovani". Previsto un tetto massimo di 4 mila euro per ciascun giovane. I progetti possono essere presentati a partire dal giorno successivo alla data di pubblicazione dell'avviso sul Bollettino ufficiale della Regione Toscana e saranno sottoposti a un'istruttoria di ammissibilità secondo l'ordine di presentazione. (ANSA).

Notizia del: mer 14 mar, 2018

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

19-06-2018
“A breve, la proclamazione dello sciopero nazionale dell’intero ....
19-06-2018
Esce nel bel mezzo delle polemiche sull'immigrazione il nuovo ....
19-06-2018
Fim, Fiom e Uilm di Piombino chiedono di partecipare all'incontro ....
19-06-2018
Un operaio di 48 anni, Alessandro Vornoli, è morto nella ....
19-06-2018
Laviosa Chimica Mineraria ha comunicato ai sindacati l'intenzione ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo