Lunedì sciopero contro il piano di riorganizzazione di Telecom. Presidi fronte sedi e centrali in tutta Italia

Lunedì 19 marzo i lavoratori delle aziende di installazioni telefoniche sciopereranno unitariamente per 4 ore per protestare contro il piano di riorganizzazione di Telecom Italia, attraverso il quale l'azienda nelle settimane scorse ha dichiarato 6.500 lavoratori in esubero e la volontà di rivedere con almeno il 10% di sconto contratti con le aziende di appalto.
Per Roberta Turi, della segreteria nazionale Fiom, e Candido Omiciuolo, coordinatore del settore delle installazioni telefoniche, "il piano di Telecom rischia di produrre effetti estremamente negativi
sull’occupazione e sulle condizioni di lavoro dei lavoratori delle aziende che lavorano in appalto".
"Il ribasso dei contratti chiesto dal gruppo - continuano - non consentirebbe neppure di applicare il contratto nazionale ai lavoratori."
"La Fiom chiede un intervento immediato del ministero su Telecom Italia per impedire un peggioramento delle condizioni dei lavoratori del settore delle installazioni telefoniche ed eventuali esuberi."
"È una situazione inaccettabile - concludono Turi e Omiciuolo - nel momento in cui si stanno facendo investimenti pubblici ingenti per diffondere la banda ultra larga nel paese."
Lo sciopero avverrà in concomitanza con un’incontro previsto al ministero dello Sviluppo economico, alle 15, proprio su questo tema. Sono previsti presìdi di fronte a sedi e centrali Telecom in tutta Italia. Ad Arezzo annuncaito un presidio di lavoratori in sciopero sotto la prefettura.

Notizia del: sab 17 mar, 2018

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

16-07-2018
Tre uomini di 31, 35 e 28 anni, tutti di origine albanese, un ....
16-07-2018
Federconsumatori Toscana ritiene che una associazione di Consumatori ....
16-07-2018
Grazie al progetto Erasmus Plus 'Dante' (Development of Activities ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo