Filt Cgil Livorno: Lavoratori del settore automotive sul piede di guerra

Livorno e i suoi paradossi. Il settore auto che ha raddoppiato i volumi in transito nel porto di Livorno, non riesce a produrre buona occupazione.
Elia nel 2016 ha terziarizzato le attività di stoccaggio e movimentazione licenziando 50 dipendenti,
la ferita è ancora aperta.
Dal 2016 ad oggi nell’appalto si sono succedute due Società, con risultati non all’altezza delle
aspettative dei lavoratori alimentando malumori e incertezze.
Il fornitore attuale la CLM Soc. Coop. ha di fatto gettato la spugna e i lavoratori da gennaio ad oggi
stanno vivendo una condizione di incertezza che non sta trovando risposte.
Nella giornata del 23 maggio i lavoratori riuniti in assemblea hanno proclamato lo stato di
agitazione e programmato una giornata di sciopero il 28 maggio. “Non abbiamo più tempo” -
dicono i lavoratori - “vogliamo salario e garanzie per il futuro basta gare al massimo ribasso”.
La logica dell’affidamento al massimo ribasso ha prodotto distorsioni e ingiustizie inaccettabili.
E’ il paradosso di una città che nell’unico settore trainante non riesce a dare lavoro alle giuste
condizioni.
FILT/CGIL LIVORNO

Notizia del: gio 24 mag, 2018

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

14-08-2018
"Sgomenta per quanto accaduto a Genova voglio manifestare il ....
14-08-2018
Cresciute nel 2017 le esportazioni della Toscana, un trend proseguito ....
15-08-2018
Punto della situazione alle 18.30 del 15.08.2017 – L’ultimo ....
13-08-2018
55 suicidi tra i soli poliziotti penitenziari negli ultimi 3 ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo