FIORANI PROCESSATO A PISA, DA CONTI BANCA SPARIRONO 2 MLN
E' iniziato al tribunale di Pisa un processo che vede imputati per appropriazione indebita sette dirigenti della ex Banca Popolare di Lodi, fra cui l'ex amministratore delegato Gianfranco Fiorani, e della ex Cassa di Risparmio di Pisa, già controllata dalla ex Banca popolare di Lodi, accusati di aver prelevato dai conti correnti di 60.000 clienti, 2 milioni e 326 mila euro configurandoli come recupero di spese postali e telefoniche. Elio Lannutti, presidente dell'Adusbef, sentito come teste, ha detto che "di truffa si trattò. Non so come altro esprimermi quando qualcuno mette le mani in tasca ad ignari risparmiatori. Oltre a Fiorani, il processo vede imputati anche Paolo Landi, all'epoca direttore centrale degli affari commerciali della Banca popolare di Lodi e, tra i dirigenti della ex Cassa di Risparmio di Pisa, l'ex direttore generale Alessandro Leo, l'ex presidente del cda Pierfrancesco Pacini, l'ex vicepresidente Vincenzo Littara e due ex consiglieri, Roberto Giovanni Biondi e Federigo Federighi. Tutti facevano parte del comitato esecutivo che, secondo l'accusa, dispose con delibera del 16 dicembre 2004 l'addebito nei conti correnti di quelle spese. Nel giugno scorso fu respinta la richiesta di patteggiamento avanzata da Fiorani, tramite i suoi difensori. Fiorani oggi era presente in aula. (ANSA).
Notizia del: gio 19 mar, 2009

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

18-10-2019
Partirà alle 15 da piazza Santa Maria Novella la manifestazione ....
18-10-2019
In data odierna la nostra delegazione regionale composta dalla ....
18-10-2019
Sciopero Nazionale di 8 ore per l’intero turno delle lavoratrici ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)