Ex Aferpi Piombino. Manca solo l'accordo di programma. Domani le assemblee

Si è tenuto ieri, al ministero dello Sviluppo economico, l'incontro per la vertenza dello stabilimento ex Aferpi di Piombino, che ha prodotto un verbale di incontro sottoscritto da Fim, Fiom e Uilm nazionali e Jindal south-west Italy srl, l'azienda che sta acquistando l'acciaieria, in presenza dei rappresentanti del ministero.
Per Mirco Rota, coordinatore nazionale Fiom della siderurgia, “si tratta di un importante risultato, non scontato, frutto dell'iniziativa sindacale che in questi anni si è potuta realizzare con il pieno coinvolgimento dei lavoratori”.
“Per quanto ci riguarda – continua – il progetto di Jindal deve portare alla realizzazione della cosiddetta area a caldo, come previsto nella fase due del piano, vero cuore di questo progetto che deve mantenere come obiettivo quello di tornare a produrre acciaio in tempi rapidi.”
“Nell'incontro di ieri c'è stata la massima attenzione da parte di tutti i soggetti coinvolti, affinché si possano realizzare tutte le condizioni per l'avvio del progetto.”
“Adesso – conclude Rota – ci aspettiamo in tempi rapidi la sottoscrizione dell'accordo di programma da parte del ministro, condizione necessaria per la definitiva ripartenza.”
Per domani sono convocate le assemblee per illustrare il documento ai lavoratori dell'acciaieria.
 

Notizia del: mer 13 giu, 2018

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

19-10-2018
"Se un governo non interviene con voce costituzionale" sui fatti ....
19-10-2018
"Non ci saranno soggetti che litigano" per il prossimo congresso ....
19-10-2018
Il sindacato si deve muovere in "autonomia" dalla politica "ma ....
19-10-2018
Domani sabato 20 ottobre a Firenze la Cgil incontra Ariovaldo ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo