Valtur: il marchio va all'asta, Ministero e sindacati chiedono di conservare l'occupazione

Nell'incontro svoltosi oggi 13 giugno al Ministero del Lavoro sulla procedura di licenziamento collettivo dei lavoratori Valtur sono emerse novità sostanziali: da oggi è aperta l'asta pubblica per l'acquisto del marchio e vi sono offerte già presentate al liquidatore.
Di fronte a queste novità la Filcams Cgil, unitamente a Fisascat e Uiltucs, ha chiesto al liquidatore di non procedere con i licenziamenti (i termini della procedura di licenziamento collettivo scadono domani, 14 giugno) e di riaprire il tavolo presso il MISE chiedendo a chi ha manifestato interesse per il marchio la disponibilità ad avviare un percorso di recupero dell'azienda e dell'occupazione.
Il MISE, presente all'incontro come uditore, ha chiesto a sua volta con forza al liquidatore di favorire la riapertura di un tavolo per il recupero dello storico tour operator, rinviando l'esecutività dei licenziamenti, in presenza di offerte economicamente considerevoli sul marchio e tenuto conto anche della presenza di villaggi del perimetro non ancora gestiti da altri operatori.
Il liquidatore ha posto come ostacolo al rinvio l'effetto che un eventuale dilazione dei licenziamenti avrebbe sulla procedura di liquidazione, con un aumento dei costi non previsto.
"L'investitore, che ha prodotto con le sue scelte questa situazione drammatica, dovrebbe a nostro avviso farsi carico dei costi ulteriori, come atto di responsabilità" commenta Luca De Zolt della Filcams CGIL nazionale "ma non vogliamo dare alibi a nessuno: come organizzazioni sindacali ci siamo anche detti disponibili, come soluzione alternativa, a individuare strumenti che non aumentino i costi della liquidazione, considerando che i lavoratori sono titolari di crediti nei confronti della stessa, mantenendo attivi i rapporti di lavoro".
La palla adesso è al liquidatore, che nelle prossime ore dovrà dar seguito alle richieste del MISE e delle organizzazioni sindacali.
"Senza una risposta affermativa del liquidatore domani i termini legali della procedura di licenziamento scadranno comunque" spiega De Zolt "questo renderebbe più difficile e complesso il lavoro di reindustrializzazione proposto dal MISE e sarebbe un ulteriore schiaffo ai lavoratori e alle lavoratrici da parte di Investindustrial. In ogni caso noi continueremo a premere per una soluzione che metta al riparo il marchio da operazioni speculative e apra una prospettiva di recupero di Valtur e dei dipendenti".

Notizia del: mer 13 giu, 2018

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

18-10-2018
Export con segno più per il distretto dell'oro aretino ....
18-10-2018
"Da ora in avanti non guarderemo in faccia a nessuno. Chi denigra, ....
18-10-2018
Facevano lavorare a nero, nella loro confezione di abiti cinese, ....
18-10-2018
Sono in totale 14 i dipendenti della Ctt (Compagnia toscana trasporti, ....
18-10-2018
Si e' tenuto ieri a Montepulciano, il 1° congresso ALPAA ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo