Dia sequestra beni per 1 mln a imprenditore cinese a Prato

Beni per un milione di euro sono stati sequestrati dalla Direzione investigativa antimafia di Firenze, su provvedimento emesso dal tribunale di Prato, a un imprenditore cinese di 47 anni. Il sequestro ha interessato somme di denaro e saldi di conti correnti anche intestati ad una società di cui l'uomo risulta rappresentante ed amministratore. A carico del 47enne, residente a Prato, si legge in una nota della Dia, gravano, tra l'altro, diverse condanne per reati di natura fiscale, per violazione delle norme inerenti l'introduzione e l'impiego di manodopera clandestina, nonchè per commercio di merce contraffatta. Inoltre nel 2010 è stato arrestato in quanto facente parte di un'associazione a delinquere composta da 21 persone e dedita al contrabbando di enormi quantità di tessuti provenienti dalla Cina, introdotti in Italia attraverso la frontiera slovena di Koper, mediante false dichiarazioni doganali d'importazione. Le indagini economico-finanziarie condotte dalla Dia, sul conto del'uomo e su quello dei suoi familiari, hanno accertato l'esistenza, nel tempo, di un tenore di vita e di movimentazioni di capitali, nonchè di investimenti immobiliari, sproporzionati rispetto alle capacità reddituali dichiarate e, quindi, ritenuti il frutto di attività illecite.(ANSA).

Notizia del: gio 14 giu, 2018

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

17-11-2018
Manifestazioni in tutta Italia degli addetti del settore contro ....
17-11-2018
"Slc Cgil ha sottoscritto un accordo con Palazzo Strozzi relativo ....
17-11-2018
Filctem Cgil, Flaei Cisl, Uiltec Uil danno l'ok al testo per ....
17-11-2018
La Fiom Cgil di Firenze, insieme ai comuni di Tavarnelle e San ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo