La Elident di Osmannoro a Sesto Fiorentino licenzia lavoratore con un SMS

Simone Rasero, 30 anni, aveva tutto il diritto di sapere il perché del suo licenziamento e di leggerlo su una raccomandata, per questo ha fatto bene a presentarsi regolarmente al lavoro il giorno dopo l’arrivo del messaggino. E’ stato accolto dai rappresentanti sindacali, ma ‘cacciato’ dall’azienda.
La Elident di Osmannoro a Sesto Fiorentino ha licenziato un lavoratore con un SMS Non è la prima volta che un datore di lavoro licenzia con un sms, ma ogni volta questa azione grida vendetta. Una volta c’era il licenziamento ad nutum, con un cenno del capo, ma da allora in tema di diritti si sono fatti passi avanti. Un sms che ti comunica il tuo licenziamento è peggiore di un cenno di capo, almeno in quel caso vedevi in faccia che lo faceva.
Filcams Cgil è infuriata per il fatto in sé e per l’umiliazione inferta al giovane lavoratore cui è stato negato l’ingresso nel luogo dove solo poche ore prima prestava la propria opera ed è stato scortato mentre raccoglieva i suoi effetti personali.
Simone Rasero, 30 anni, aveva tutto il diritto di sapere il perché del suo licenziamento e di leggerlo su una raccomandata, per questo ha fatto bene a presentarsi regolarmente al lavoro il giorno dopo l’arrivo del messaggino. E’ stato accolto dai rappresentanti sindacali, ma ‘cacciato’ dall’azienda, dopo non poche resistenze è stato scortato all’interno perché raccogliesse i suoi effetti personali che erano nell’armadietto.
La Elident, oltre 20 dipendenti,tratta prodotti odontoiatrici, una fabbrica in buona salute, dove proprietà e management si atteggiano a padroni delle ferriere e invece di valorizzare il personale colgono ogni occasione per umiliarlo. Questo è il caso di Simone, che è stato licenziato adducendo a giustificato motivo oggettivo la riorganizzazione aziendale. Nessuno sa quale.
E’ stato preso un capannone più grosso, e molto probabilmente, al momento del trasferimento occorrerà più personale. Siamo curiosi di sapere le spiegazioni che ci verranno fornite, perché noi, questo ragazzo lo sosterremo fino in fondo.
Umberto Marchi Giovanni Vangi
FILCAMS CGIL Provinciale






 

Notizia del: mer 20 giu, 2018

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

17-11-2018
La strada di Corleone dove sorge la casa dei Riina, via Scorsone, ....
17-11-2018
Con davanti uno striscione con scritto 'Contro razzismo e repressione ....
17-11-2018
Sta collezionando sempre più firme e adesioni la petizione ....
17-11-2018
Continua senza sosta la strage delle donne morte per femminicidio, ....
17-11-2018
Stamani a San Casciano val di Pesa (Firenze) la Cgil ha inaugurato ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo