Rogo Pietrasanta: Arpat, diossine ma no problemi ambiente

Durante il rogo del 3 agosto scorso nel magazzino edile di Pietrasanta "si sono sviluppati composti microinquinanti quali Ipa e diossine": le ricadute "di questi inquinanti a terra, ovvero su vegetali (ortaggi e frutta), non hanno portato a superamenti dei valori guida riportati in letteratura e questo induce a ritenere che la dispersione di questi inquinanti sia stata tale da non produrre problemi di natura ambientale. Relativamente alle problematiche di natura sanitaria si rimanda la valutazione alla competente Asl". E' quanto riferisce Arpat in merito ai risultati dei campionamenti effettuati a terra in seguito all'incendio che aveva destato allarme per il possibile inquinamento. Arpat spiega, sempre in merito ai campionamenti a terra, che la "concentrazione di massima ricaduta" si è verificata il giorno successivo all'incendio mentre "nella giornata di domenica 5 la situazione è rientrata nella normalità". (ANSA).

Notizia del: ven 10 ago, 2018

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

25-03-2019
Firmato l’accordo sulla cassa integrazione straordinaria ....
25-03-2019
“La situazione occupazionale del settore, strategico per ....
25-03-2019
"Abbiamo dichiarato lo stato di agitazione permanente dei lavoratori ....
25-03-2019
Sul podio del clima migliore in Italia ci sono Imperia, Catania ....
25-03-2019
Con 25 voti favorevoli su 25 presenti, il Consiglio comunale ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo