Genova: si aggrava bilancio, 43 morti. Nove i feriti, due ancora in condizioni critiche.

Nel giorno dei funerali di Stato, non si ferma il tragico computo delle vittime del crollo di Ponte Morandi a Genova. Sono 43 i morti. Non ce l'ha fatta uno dei feriti ed è stato trovato il corpo dell'ultima persona che risultava dispersa: dovrebbe trattarsi di Mirko Vicini, dipendente Amiu che era nella zona della tragedia, nell'isola ecologica, insieme a un collega al momento del crollo. E' morto, invece, all'ospedale San Martino, dove era ricoverato, Marian Rosca, il paziente di origini romene, che nel crollo aveva riportato un trauma toracico e uno cranico.
I soccorritori la scorsa notte intorno alle 3 hanno ritrovato tra le macerie del viadotto un'automobile, una Hyundai, con all'interno i corpi di una famiglia di Novara composta da padre, madre e figlia di 9 anni, partiti per le ferie all'isola d'Elba. L'auto è stata ritrovata sull'argine sinistro del Polcevera, sotto un grosso blocco di cemento che faceva parte del pilone della struttura crollato. (Adnkronos)

Le 43 vittime del crollo del ponte Morandi Nove sono i feriti, due ancora in condizioni critiche
Sono 43 le vittime causate, il 14 agosto, dal crollo del viadotto autostradale Morandi sulla A10, a Genova. Oggi, al quinto giorno di ricerche, sono state trovate le ultime quattro persone che mancavano all'appello. Per tre di loro deve ancora avvenire l'identificazione ufficiale. Si tratta, comunque, di Cristian Cecala, la moglie Dawna e la figlia Kristal, di 9 anni, di Oleggio (Novara). Tra i recuperati oggi tra le macerie anche Mirko Vicini, 30 anni, di Genova, operaio Amiu. I feriti sono 9. "Due - spiega il dottor Angelo Gratarola, direttore del dipartimento interaziendale dell'emergenza - sono ancora in condizioni critiche". Non ci sono più dispersi. E sempre oggi è deceduto all'ospedale San Martino Marian Rosca, camionista romeno di 36 anni: il giorno del disastro era morto il collega e connazionale che viaggiava con lui, Anatoli Malai, di 44 anni. Tra le vittime c'è una famiglia di Pinerolo: Andrea Vittone, nato a Venaria Reale, 50 anni, la moglie Claudia Possetti, nata a Pinerolo, 48 anni, i figli della donna Manuele e Camilla di 16 e 12 anni. Un'altra famiglia sterminata da ponte Morandi è quella dei Robbiano che vivevano a Campomorone (Genova): il padre Roberto, 44 anni, nato a Genova, la madre Ersilia Piccinino, 41 anni, nata a Fersale (Catanzaro), il figlio Samuele, 8 anni. E ancora: Andrea Cerulli, 48 anni, di Genova; Elisa Bozzo, 34 anni, nata a Genova e residente a Busalla (Genova); Francesco Bello, 42 anni, di Serrà Riccò (Genova); Alberto Fanfani, 32 anni, nato a Firenze, fidanzato con Marta Danisi, 29 anni, nata a Sant'Agata di Militello (Messina); Stella Boccia, 24 anni, nata a Napoli e residente a Civitella Val di Chiana e il fidanzato Carlos Jesus Erazo Truji, 27 anni peruviano. Poi ci sono i quattro amici di Torre del Greco (Napoli): Giovanni Battiloro 29 anni, Antonio Stanzione, 29 anni, Gerardo Esposito, 27 anni, Matteo Bertonati, 27 anni. Tra le altre vittime: Giorgio Donaggio, 57 anni, nato a Genova e residente a Toirano (Savona), Alessandro Campora, 55 anni, nato a Genova, Giovanna Bottaro, 43 anni, di Novi Ligure (Alessandria), Vincenzo Licata, 58 anni, nato a Grotte (Agrigento), Luigi Matti Altadonna, 35 anni, nata a Genova, Angela Zerilli, 58 anni, nata a Corsico (Milano), Gennaro Sarnataro, 43 anni, nato a Volla (Napoli), Alessandro Robotti, 50 anni, nato a Alessandria, Bruno Casagrande, 57 anni, nato a Antonimina (Reggio Calabria) residente a Genova, collega di Mirko Vicini in Amiu. Poi ci sono le vittime francesi: Axelle Place 20 anni, Nathan Gusman 20 anni, Melissa Artus 22 anni, William Pouza 22 anni. I morti cileni sono Juan Ruben Figueroa Carrasco 59 anni residente a Genova, Leyla Nora Rivera Castillo 48 anni, Juan Carlos Pastenes 64 anni. Due i morti albanesi: Admir Bokrina 32 anni, Marius Djerri 22 anni. Nell'elenco c'è anche il colombiano Henry Diaz Henao, 38 anni. (ANSA).

Notizia del: sab 18 ago, 2018

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

17-11-2018
La strada di Corleone dove sorge la casa dei Riina, via Scorsone, ....
17-11-2018
Con davanti uno striscione con scritto 'Contro razzismo e repressione ....
17-11-2018
Sta collezionando sempre più firme e adesioni la petizione ....
17-11-2018
Continua senza sosta la strage delle donne morte per femminicidio, ....
17-11-2018
Stamani a San Casciano val di Pesa (Firenze) la Cgil ha inaugurato ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo