Crisi Cft (Firenze), l'allarme della Filt Cgil: "Chiediamo chiarezza sul futuro"

Crisi Cft (Firenze), la Filt Cgil: “Chiediamo chiarezza sul futuro. Serve discontinuità alla guida della cooperativa. Proporremo di aprire lo stato di agitazione”. Appello a Legacoop e istituzioni
Ormai da svariati giorni sui mezzi di informazione leggiamo notizie in merito a CFT e a Piani Industriali o di ristrutturazione che si dovrebbero realizzare al più presto. Ci piace rammentare che i soci di CFT il 3 marzo 2017 hanno votato lo stato di crisi della cooperativa e che l’8 marzo 2017 abbiamo sottoscritto unitariamente un accordo sindacale sul nuovo modello organizzativo della gestione dei magazzini. Non basta questo per recuperare il deficit della cooperativa e rilanciarne l’attività? Non basta il piano di dismissione degli immobili, annunciato dai vertici nel 2017, come soluzione per risanare i deficit di bilancio?
Si faccia chiarezza subito. Alla CFT serve un piano industriale vero, che tolga i lavoratori dall’incertezza di leggere il proprio futuro dai giornali. Su un punto si deve essere chiari: ci dovrà essere una forte discontinuità nella guida della cooperativa a partire dal CDA, proprio per l’attuazione del nuovo Piano Industriale. Le colpe di questo stato di crisi, che coinvolge 2500 famiglie, non sono da attribuire soltanto ad i vertici della CFT, ma anche al sistema della Grande Distribuzione, che ha negli ultimi anni operato tariffe sempre più basse, senza adeguarle, in alcuni casi, agli aumenti del Contratto nazionale della Logistica.
Non possiamo permettere che una storica cooperativa che da più di 40 anni ha garantito non solo la corretta applicazione del contratto nazionale, ma che ha anche condiviso la necessità che il settore si dotasse di uno strumento di regolazione e di legalità del sistema, oggi venga travolta dall’operato del suo gruppo dirigente e stretta dal mercato della GDO, lasciando spazi aperti a soggetti economicamente più vantaggiosi per le committenti che però rischiano di inquinare ulteriormente il sistema logistico toscano.
Proporremo gli altri sindacati di aprire lo stato di agitazione del personale a sostegno del urgenza di un Piano Industriale vero.
Chiediamo, con fermezza, a Legacoop toscana, al sistema della GDO, alle istituzioni di non sottovalutare la situazione e di essere parte attiva per le sorti dei 2500 soci di CFT, al fine di mantenere legalità e buona occupazione nel settore.
Firmato: la Segreteria Filt Cgil Area Metropolitana Firenze - Prato - Pistoia

...così in ANSA

Lavoro: Filt-Cgil, su crisi Cft e tagli vogliamo chiarezza
"Si faccia chiarezza subito" sulla situazione economico-finanziaria di Cft: è quanto chiede la Filt-Cgil, commentando le recenti notizie di stampa secondo cui è allo studio un Piano industriale con tagli alle attività, per risanare la cooperativa fiorentina della logistica, con 2.500 soci, che ha chiuso il 2017 con un passivo di 16 milioni di euro. La Filt annuncia inoltre, in una nota, che chiederà agli altri sindacati di aprire lo stato di agitazione del personale. "Alla Cft serve un piano industriale vero, che tolga i lavoratori dall'incertezza di leggere il proprio futuro dai giornali", afferma il sindacato, chiedendo "una forte discontinuità nella guida della cooperativa a partire dal Cda, proprio per l'attuazione del nuovo Piano industriale. Le colpe di questo stato di crisi, che coinvolge 2500 famiglie, non sono da attribuire soltanto ad i vertici della Cft, ma anche al sistema della grande distribuzione, che ha negli ultimi anni operato tariffe sempre più basse, senza adeguarle, in alcuni casi, agli aumenti del Contratto nazionale della logistica".(ANSA).

Notizia del: mer 19 set, 2018

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

15-12-2018
Con l'abbattimento dell'ex inceneritore e la realizzazione della ....
15-12-2018
"Sono pronto a incatenarmi di fronte al ministero delle Infrastrutture ....
15-12-2018
Un operaio di 57 anni è morto stamani nel Pisano, intorno ....
15-12-2018
Sciopero gli autisti Ataf oggi (15/12),dalle 18 alle 22. I sindacati ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo