Crisi Cft, Filcams Cgil Toscana "preoccupata" chiede confronto all'azienda

Crisi CFT: la FILCAMS CGIL Toscana chiede un confronto per sapere quale futuro per i lavoratori, manca la necessaria trasparenza e coinvolgimento

La Filcams CGIL Toscana esprime forte preoccupazione per la grave e conclamata crisi del Gruppo CFT che mette in allarme migliaia di lavoratori e lavoratrici in Toscana, quasi 500 dei quali con l'applicazione del CCNL Multiservizi e quindi rappresentati dalla categoria.

Leggiamo sulla stampa di piani di ristrutturazione, riorganizzazione e razionalizzazione non solo dei costi generali, ma anche del personale che possono avere ripercussioni sui livelli occupazionali e che, quindi, non possono essere condivisi. 

Serve un piano industriale credibile per dare un futuro alla Cooperativa che non può passare dalla riduzione di diritti economici e normativi e di posti di lavoro, perchè sono vie “facili”, ma che non risolvono i problemi, come dimostrato.

E' necessaria una trasparenza nei comportamenti ed una affidabilita che è venuta meno, e soprattutto un Gruppo Dirigente che si assuma la responsabilità della situazione nella quale ha fatto precipitare la storica cooperativa.

Chiediamo di attivare da subito i confronti con le Organizzazioni Sindacali, un intervento delle istituzioni, delle committenze pubbliche e della Grande Distribuzione Privata e Cooperativa, per dare un futuro ad una impresa cooperativa che negli anni è stata un punto di riferimento, ma soprattutto per trovare soluzioni per il mantenimento dei livelli reddituali e occupazionali delle lavoratrici e dei lavoratori.

Filcams Cgil Toscana

 

...così in Ansa

 

Lavoro: Filcams Toscana, preoccupa crisi gruppo Cft  Sindacato chiede confronto per conoscere futuro lavoratori coop
"Forte preoccupazione per la grave e conclamata crisi del Gruppo Cft che mette in allarme migliaia di lavoratori e lavoratrici in Toscana, quasi 500 dei quali con l'applicazione del contratto nazionale multiservizi e quindi rappresentati dalla categoria". E' quanto esprime la Filcams Cgil Toscana che chiede un confronto per conoscere il futuro dei lavoratori della cooperative, specializzata in logistica integrata. "Serve un piano industriale credibile per dare un futuro alla cooperativa - sottolinea il sindacato in una nota - che non può passare dalla riduzione di diritti economici e normativi e di posti di lavoro, perché sono vie 'facili' ma che non risolvono i problemi, come dimostrato. E' necessaria una trasparenza nei comportamenti ed una affidabilità che è venuta meno, e soprattutto un gruppo dirigente che si assuma la responsabilità della situazione nella quale ha fatto precipitare la storica cooperativa". La Filcams Cgil regionale chiede di "attivare da subito i confronti con le organizzazioni sindacali, e un intervento delle istituzioni, delle committenze pubbliche e della grande distribuzione per dare un futuro ad una impresa cooperativa che negli anni è stata un punto di riferimento, ma soprattutto per trovare soluzioni per il mantenimento dei livelli reddituali e occupazionali delle lavoratrici e dei lavoratori".(ANSA).

 

Notizia del: sab 22 set, 2018

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

17-10-2018
Istituto Francese, oggi sciopero e presidio dei lavoratori a ....
17-10-2018
In Italia, dagli anni pre-crisi ad oggi, c’è stato ....
17-10-2018
Cancellare la protezione umanitaria per i richiedenti asilo non ....
17-10-2018
E' salita di quasi 3 punti rispetto al 2016 la percentuale di ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo