Aborto, petizione ginecologhe al ministro Grillo: "Applicare la 194 con medici non obiettori"

Sta collezionando sempre più firme e adesioni la petizione delle ginecologhe Silvana Agatone, Elisabetta Canitano, Concetta Grande e Giovanna Scassellati alla ministra della salute Giulia Grillo per il rispetto della legge 194 sul diritto all’aborto.
La petizione lanciata dalle quattro ginecologhe non obiettrici ha raccolto 16mila firme tra le quali ci sono quelle della segretaria della Cgil Susanna Camusso, dell’ex presidente della Camera Laura Boldrini, delle ex ministre Valeria Fedeli e Josefa Idem e di tre leader del movimento delle donne per “aborto legale e sicuro”, Ailbhe Smith, protagonista del referendum in Irlanda, Gisella Carino, attivista e influencer argentina, e Justyna Frydrych, attivista polacca, una delle organizzatrici delle manifestazione a Varsavia contro il divieto di abortire.
Le quattro ginecologhe non obiettrici si rivolgono nella petizione direttamente alla ministra della Salute “perché venga garantita l’applicazione della 194 e vengano sanzionati i tanti ospedali che, contrariamente agli obblighi di legge, non forniscono il servizio di interruzione volontaria di gravidanza”.
Le dottoresse chiedono anche di istituire una ‘helpline’ per dare informazioni alle donne. Le autrici dell’appello sono: Silvana Agatone, ginecologa Presidente Laiga, Libera Associazione Italiana Ginecologi per l’applicazione della Legge 194/78 e socia fondatrice di “Rebel Network”, Elisabetta Canitano, ginecologa non obiettrice Vita di Donna, Concetta Grande, ginecologa non obiettrice socia Laiga, Giovanna Scassellati, ginecologa non obiettrice Responsabile Uosd salute riproduttiva Ospedale San Camillo.
“A meno che una donna non sia ricca – dicono – il diritto di abortire diviene una ricerca affannosa da provincia a provincia e talvolta da regione a regione, con il rischio di arrivare fuori tempo nei pochissimi ospedali dove vi sia un ginecologo disponibile. Lo Stato accetta l’obiezione anche di medici e infermieri che dovrebbero assistere le pazienti prima, durante e dopo l’intervento. L’obiezione di coscienza di anestesisti e personale di sala operatoria che dovrebbero garantire la sicurezza delle donne, provoca di fatto umiliazione e abbandono della paziente che richiede l’Ivg. Tutto ciò disattende in maniera clamorosa l’articolo 9 della legge 194/78 che obbliga tutti gli Enti ospedalieri a garantire l’effettuazione delle interruzioni volontarie di gravidanza. Il personale ospedaliero in molte strutture sanitarie subisce pressioni e mobbing per firmare l’obiezione”.
L’iniziativa, lanciata sulla piattaforma Change.org è sostenuta da Rebel Network, rete femminista, dalla Ong Differenza Donna, da Dire, Donne in Rete contro la violenza e da Ippf European Network.

Notizia del: sab 17 nov, 2018

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

10-12-2018
Sono 15, tutti tra i 20 e i 29 anni, i giovani macchinisti che ....
10-12-2018
La procura di Firenze ha emesso due avvisi di garanzia nell'ambito ....
10-12-2018
Saranno 8mila gli studenti, provenienti da tutta la Toscana, ....
10-12-2018
Si intitola 'Studiare e formarsi in Toscana, scegli la strada ....
10-12-2018
Mercoledì 12 dicembre i lavoratori di Leonardo (ex Finmeccanica) ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo