Menarini: corte appello assolve fratelli Aleotti. Difesa, vittoria piena

La corte di appello di Firenze, riformando la sentenza di primo grado, ha assolto i fratelli Lucia Aleotti e Alberto Giovanni Aleotti, figli del patron Sergio Aleotti nel processo Menarini dove erano imputati di riciclaggio.
Lucia Aleotti è stata assolta dalla corte di appello di Firenze 'per non aver commesso il fatto' rispetto all'accusa di riciclaggio delle somme di denaro provenienti da dichiarazioni fraudolente ed emissioni di fatture per operazioni inesistenti, nonché dall'aver strumentalmente costituito e patrimonializzato, a fini di riciclaggio, le fondazioni Nipote e Nipote bis. Inoltre sempre Lucia Aleotti è stata assolta 'perché il fatto non sussiste' riguardo all'adesione allo scudo fiscale, per il riciclaggio, tramite le stesse fondazioni. Il fratello Giovanni Alberto Aleotti è stato assolto dall'accusa di riciclaggio 'perché il fatto non sussiste' anche rispetto all'accusa di aver concorso in reati presupposti di evasione fiscale. Assolto, come la sorella, dall'accusa di aver costituito le fondazioni Nipote e Nipote bis a fini di riciclaggio, così come per l'accusa di aver usato lo scudo fiscale come strumento di riciclaggio. La corte di appello ha rigettato il ricorso dei pm in merito all'accusa di riciclaggio di denaro provento di truffa continuata e gli appelli delle parti civili. In primo grado Lucia Aleotti era stata condannata a 10 anni e 6 mesi e il fratello Giovanni Alberto a 7 anni e 6 mesi. Confermata nelle altre parti la sentenza di primo grado, quindi restano assolti Massimiliana Landini, e dei manager Licia Proietti e Sandro Casini. Motivazioni fra 90 giorni.(ANSA).

Menarini: appello; difesa Aleotti, vittoria piena
"Vittoria piena, assoluzioni integrali. Sono state accolte in pieno le richieste difensive". Così l'avvocato Alessandro Traversi, difensore degli Aleotti nel processo Menarini insieme a Franco Coppi e Roberto Cordeiro Guerra, commenta la sentenza della corte di appello di Firenze che, ribaltando la sentenza di primo grado, assolve i fratelli Lucia Aleotti e Alberto Giovanni Aleotti, figli del patron Sergio Aleotti nel processo Menarini dove erano imputati di riciclaggio. "Per Lucia Aleotti doppia formula di assoluzione - dice Traversi dopo la lettura del dispositivo - per alcuni episodi per non avere commesso il fatto, come peraltro come avevamo chiesto noi, per altri episodi perché i fatti contestati non sussistono, quindi la formula più ampia". "Il fratello Giovanni Alberto - prosegue Traversi - è stato dichiarato non punibile per concorso nel reato presupposto fiscale, quindi è un'assoluzione anche per lui". Lucia Aleotti e Giovanni Alberto Aleotti hanno seguito tutte le udienze dell'appello e anche stamani alla riapertura del processo erano presenti, poi però hanno deciso di non essere presenti alla lettura della sentenza. "L'emozione era grossa e hanno preferito così, li abbiamo avvisati via cellulare", ha detto il difensore. Poi l'avvocato Traversi si concede una citazione dal centenario della vittoria nella Prima Guerra Mondiale: "I nostri avversari dialettici risalgono le valli dalle quali erano discesi con orgogliosa sicurezza".(ANSA).

Notizia del: mer 05 dic, 2018

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

10-12-2018
Sono 15, tutti tra i 20 e i 29 anni, i giovani macchinisti che ....
10-12-2018
La procura di Firenze ha emesso due avvisi di garanzia nell'ambito ....
10-12-2018
Saranno 8mila gli studenti, provenienti da tutta la Toscana, ....
10-12-2018
Si intitola 'Studiare e formarsi in Toscana, scegli la strada ....
10-12-2018
Mercoledì 12 dicembre i lavoratori di Leonardo (ex Finmeccanica) ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo