P.A.: Upi, si riveda norma su concorso unico per enti locali

"Spero che ci sia un ripensamento sul ddl 'Deleghe al governo per il miglioramento della pubblica amministrazione' per quanto riguarda il concorso unico nazionale per le assunzioni degli enti locali, che, alla faccia del federalismo, potrebbe consentire ad esempio di fare assunzioni da Roma per luoghi di lavoro distanti centinaia di chilometri": lo hanno sottolineato al termine della Conferenza Unificata Achille Variati e Carlo Riva Vercellotti, presidente e vicepresidente dell'Unione delle province d'Italia (Upi), che insieme all'Anci ha dato parere negativo al provvedimento. "Il nostro parere negativo nasce dal fatto che questo provvedimento - hanno aggiunto i dirigenti Upi - sia nato da una iniziativa autonoma del governo, senza che fossero preventivamente coinvolti gli enti territoriali. Nella nostra opposizione abbiamo voluto evidenziare anche le prerogative di ordine costituzionale e di autonomia degli enti locali. Ci auguriamo a questo punto che il Parlamento decida con buon senso".(ANSA).

Notizia del: gio 17 gen, 2019

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

16-02-2019
"Il confronto per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro ....
16-02-2019
Flai, Fai e Uila hanno presentato e approvato all'unanimità ....
16-02-2019
"I lavoratori della Cft hanno già fatto la propria parte, ....
16-02-2019
Protesta nel centro di Firenze da parte degli addetti di un magazzino ....
16-02-2019
"Dopo la richiesta di incontro avanzata a Kme Italy unitariamente ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo