Fim Fiom Uilm Toscana: 14 giugno sciopero generale nazionale dei meccanici con grande manifestazione a Firenze

Stamattina attivo unitario delegate e delegati Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil Toscana a Firenze. Ora via alle assemblee per far si che il 14 giugno sia grande e forte la partecipazione dei metalmeccanici della Toscana in Piazza a Firenze. Una grande manifestazione a sostegno del rinnovo del CCNL.
Le delegate e i delegati metalmeccanici di Fim, Fiom e Uilm si sono ritrovati oggi alla Casa del Popolo di San Bartolo a Cintoia a Firenze per l’attivo unitario in preparazione dello sciopero generale nazionale del 14 giugno, con manifestazione interregionale a Firenze.
Presenti delegazioni arrivate da tutte i territori della Toscana, i numerosi interventi hanno aperto un ampio dibattito sulle motivazioni che porteranno allo sciopero unitario dei metalmeccanici del 14 giugno. Alla base dello sciopero le rivendicazioni di CGIL CISL e UIL che hanno portato alla grande manifestazione di Roma, il 9 febbraio scorso.
Non è accettabile che dopo quella grande iniziativa, ad oggi non sia stato aperto un tavolo di confronto governo e sindacati.
Fim Fiom Uilm esprimono giudizi sindacali, non politici, nella legittimità della loro rappresentanza, stante che le scelte del governo condizionano la vita di tutti i lavoratori.
Chiediamo equità e giustizia sociale, attraverso l'abbassamento del fisco sui salari secondo il principio che chi guadagna di più deve pagare di più, investimenti pubblici e privati per creare occasioni di lavoro, non assistenzialismo fine a se stesso.
Chiediamo una seria riforma della legge Monti-Fornero perché la quota 100 sta dando qualche risposta, ma certo non è risolutiva ed esclude in modo penalizzante anche coloro che da 40 anni svolgono lavori pesanti con un alto rischio di infortuni.
Fim Fiom Uilm chiedono al governo un confronto con l’Unione Europea per escludere gli investimenti necessari a far ripartire il paese dai vincoli della finanza pubblica.
La Ue metta in atto politiche di sviluppo, rilanci quei presidi industriali che sono il volano del paese .
In Italia troppi processi produttivi sono caratterizzati da appalti e subappalti che riducono i diritti dei lavoratori e le condizioni di sicurezza. Per Fim Fiom Uilm Toscana è prioritario chiedere che le imprese investano sulla formazione per la salute e sicurezza e, nello stesso tempo, reputano inaccettabile che per tagliare il costo del lavoro si siano ridotti i premi all' Inail, in un contesto che registra un altissimo indice di morti sul lavoro anche nella nostra regione.
Fim Fiom Uilm hanno ben chiaro che l'estromissione dei corpi intermedi dalle principali discussioni del paese hanno caratterizzato tutti i governi degli ultimi anni e sono intenzionati a riprendersi il negoziato a difesa dei diritti e delle tutele dei lavoratori.
Da oggi partiranno le assemblee per far si che il 14 giugno sia grande e forte la partecipazione dei metalmeccanici della Toscana in Piazza a Firenze. Una grande manifestazione a sostegno del rinnovo del CCNL che ci apprestiamo a discutere.
Hanno introdotto, sono intervenuti ed hanno concluso i lavori dell’attivo i Coordinatori Regionali e Segretari Alessandro Beccastrini (Fim Cisl), Vincenzo Renda (Uilm Uil), Massimo Braccini (Fiom Cgil).
Fim Fiom Uilm Regionali Toscana

Notizia del: ven 24 mag, 2019

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

20-06-2019
Slitta di 24 ore la presenza del super consulente Claudio Modena ....
20-06-2019
 “La Cgil non promuove né appoggia alcuna legge ....
20-06-2019
La corte di appello di Firenze ha condannato a 7 anni Mauro Moretti ....
20-06-2019
Brezzo, “È cominciato a scorrere il sangue. Dopo ....
20-06-2019
E' morta Liliana Benvenuti, 96 anni, figura storica della Resistenza ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo